iscrizionenewslettergif

Bergamo Scomparsa: la vicenda della sacra spina

Bergamo Scomparsa: la vicenda della sacra spina

Nello scorso incontro abbiamo lasciato l’esercito di Carlo VIII impegnato nel giugno del 1495 a risalire l’Italia trasportando un immenso bottino. Ad attenderlo a Fornovo sul Taro nei pressi di Parma era l’esercito della lega antifrancese. Il re chiese di poter passare evitando la battaglia. La risposta si fece attendere a lungo. I comandanti dei […]

Bergamo scomparsa: la discesa di Carlo VIII

Bergamo scomparsa: la discesa di Carlo VIII

Mentre negli altri stati europei, Francia, Spagna, Inghilterra, si formavano o si consolidavano le monarchie nazionali, l’Italia, florida economicamente e portatrice della cultura più innovatrice del tempo, restava divisa in diversi Stati regionali. Nella seconda metà del Quattrocento aveva vissuto un periodo di pace mettendo in essere una politica di equilibrio anche grazie alle capacità […]

Bergamo scomparsa: vestiti audaci e prostitute nel Medioevo

Bergamo scomparsa: vestiti audaci e prostitute nel Medioevo

Abbiamo esaminato nell’ultimo incontro i contenuti delle due più antiche leggi suntuarie bergamasche. Ma il quadro della situazione non risulta completo se non si prendono in considerazione i capitoli XV e XVI dell’undecima collatio dello statuto già citato. Anche nella pudicissima Bergamo persone dell’uno e dell’altro sesso si erano evidentemente lasciate conquistare dall’audace moda proveniente […]

Bergamo scomparsa: i nuovi ricchi della città

Bergamo scomparsa: i nuovi ricchi della città

Il contesto delle leggi suntuarie da noi esaminate nelle due puntate precedenti rende più facilmente comprensibile il succedersi degli analoghi provvedimenti in terra bergamasca. Nella nostra città tali decreti legislativi appaiono in epoca relativamente tarda, forse, come sostiene il Pinetti, “per la remora che esercitavano i religiosi ancora ascoltati dalla popolazione” o più probabilmente perché […]

Bergamo scomparsa: divieto di sfarzo, ma non per tutti

Bergamo scomparsa: divieto di sfarzo, ma non per tutti

Le legislazioni suntuarie duecentesche tendevano soprattutto a moderare gli sprechi e a mortificare in modo generalizzato lo sfarzo delle apparenze, stemperando le diversità tra le classi sociali. Ma già nell’ultimo periodo comunale mostravano una finalità ben diversa che si realizzava attraverso la pratica delle esenzioni. In ogni centro urbano le disposizioni esimevano dai divieti classi […]

Bergamo scomparsa: arrivano i divieti sui vestiti sfarzosi

Bergamo scomparsa: arrivano i divieti sui vestiti sfarzosi

Negli ultimi incontri abbiamo attentamente esaminato strutture e funzioni dell’Hospital Grande, del Lazzaretto e della gloriosa istituzione assistenziale ancor oggi attiva e nota come Mia. Protagonisti di ben tredici puntate sono stati i malati, i poveri, gli appestati, ma soprattutto la classe dirigente cittadina attiva e capace di fornire alla popolazione un’organizzazione sanitaria in linea […]

Bergamo scomparsa: le tre grandi epidemie

Bergamo scomparsa: le tre grandi epidemie

Abbiamo assistito nella puntata precedente alla posa della prima pietra del Lazzaretto, cerimonia avvenuta “con le debite et consuete solennità” e con gran concorso del clero e del popolo il 7 maggio 1504. I lavori di costruzione si protrassero a lungo e l’edificio risultava terminato nel 1581. “Bellissimo, ben fatto et molto grando” lo definiva […]

Bergamo scomparsa: la peste e il Lazzaretto

Bergamo scomparsa: la peste e il Lazzaretto

Fin dalla metà del Trecento, a seguito della terribile “peste nera”, era sentita nelle città italiane la necessità della costruzione di un ospedale per gli appestati lontano dal centro abitato e collocato in posizione tale da evitare che l’aria infetta provocasse il contagio ai sani. I numerosi studi dell’epoca, fra i quali ebbe particolare considerazione […]

Bergamo scomparsa: il saccheggio della Mia

Bergamo scomparsa: il saccheggio della Mia

Dove si riuniva l’assemblea generale degli iscritti della Mia, composta di soli uomini e e sicuramente ancora attiva nel Trecento? In qualche caso, come in occasione della straordinaria e contrastata adunanza dell’8 marzo 1394, da noi già citata, “in domo fratrum Predicatorum”, cioè nel grande convento domenicano di Santo Stefano, allora esistente all’esterno dell’attuale Porta […]

Bergamo scomparsa: la Mia diventa aristocratica

Bergamo scomparsa: la Mia diventa aristocratica

Abbiamo visto nella puntata precedente come la progressiva crescita “receptorum” cioè di lasciti ed elemosine ed il contemporaneo aumento di richieste d’aiuto aveva comportato una maggiore articolazione della struttura, ma anche una sua modifica in senso sempre più elitario. Facciamo ancora riferimento ai saggi di Maria Teresa Brolis nell’esame del testo aggiornato della Regola redatto […]

box1cdsjpg