iscrizionenewslettergif
Politica

Pd, il ritorno di Renzi apre a un governo alternativo

Di Redazione12 Agosto 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pd, il ritorno di Renzi apre a un governo alternativo
Matteo Renzi

ROMA — Mentre la linea ufficiale del segretario di Pd Nicola Zingaretti resta quella del voto, Matteo Renzi torna alla ribalta e preme per un governo di transizione con il M5s.

Nelle segrete stanze intanto Di Maio, (che in caso di elezioni uscirebbe per sempre di scena, condizionale d’obbligo) sarebbe pronto a chiedere all’assemblea M5s mandato per trattare con il Pd.

Renzi sarebbe pronto anche a forzare la mano, dal momento che la stragrande maggioranza dei parlamentari dem sono suoi.

Il Partito Democratico, nonostante i proclami, non chiude la via a una soluzione alternativa alla corsa al voto in autunno. L’idea di Renzi di un governo di transizione per andare al voto nel 2020, per il quale ci sarebbero stati contatti tra renziani ed esponenti di Forza Italia, non trova sostegno netto fuori dall’ala renziana. Ma se si guarda allo schema più ampio di un tentativo di costruire su un programma definito una maggioranza che freni la corsa delle destre e faccia alcune cose che servono al Paese, a partire da una legge di bilancio salva-conti, i consensi sembrano ampi nel partito.

C’è l’apertura di Dario Franceschini, di Graziano Delrio, il sì di Matteo Orfini (purché si concordi la cancellazione dei decreti sicurezza di Salvini) ma anche di alcuni zingarettiani che vedrebbero bene un “governo istituzionale vero di risanamento e riforme non a tempo”. E’ una formula cui potrebbe aprire anche Zingaretti.

A Mattarella il pallino della crisi: e spunta un governo Draghi

Mario Draghi e Sergio MattarellaROMA -- La mossa di Salvini di far saltare il governo potrebbe rivelarsi improvvida. Con ...

Calenda: il Pd è finito

Il ministro CalendaROMA -- "Il Pd è finito". Lo ammette Carlo Calenda ai microfoni di 'Circo Massimo', ...