iscrizionenewslettergif
Sport

Motociclismo, in Valseriana il mondiale enduro

Di Redazione19 Giugno 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Fine settimana di motori a Rovetta e Clusone. Gran premio d'Italia Acerbis e Valli Bergamasche

Motociclismo, in Valseriana il mondiale enduro
Motomondiale di enduro

BERGAMO — Appuntamento da non perdere per gli appassionati di enduro. Nel fine settimana del 22-23 giugno arrivano a Rovetta, in Valseriana, la 43esima edizione della Valli Bergamasche e il Gran premio Acerbis d’Italia valido per il campionato mondiale.

Giovedì 20 giugno al Centro sportivo di Rovetta si aprirà il paddock.

La manifestazione è stata presentata ieri mattina a Milano, al 31° piano del grattacielo Pirelli con la partecipazione dal Moto Club Bergamo in collaborazione con Abc, Fim e Fmi. Ha fatto gli onori di casa il consigliere della Regione Lombardia, Paolo Franco, di origini seriane; sono intervenuti il main sponsor Franco Acerbis (imprenditore di Albino in passato presidente del Moto Club Bergamo), l’attuale presidente del glorioso sodalizio che proprio quest’anno festeggia i 100 anni di attività Giuliano Piccinini, il direttore di gara internazionale Paolo Buratti, l’addetto stampa Abc per la gara Piero Batini.

La Valli Bergamasche venne disputata l’ultima volta nel 2015, sempre con quartier generale a Rovetta, stavolta rappresenta la quinta prova del Campionato mondiale.

Oltre a Rovetta saranno coinvolti Clusone, Cerete, Fino del Monte, Gandino, Onore e Songavazzo per un tracciato di circa 50 km da ripetere tre volte (due la classe open senior) suddiviso in tre controlli orari.

Numerosi anche gli spettacoli collaterali a questo evento sportivo dedicato all’Enduro: una vera e propria festa no-stop che nell’arco dell’interop weekend dura dall’alba fino a notte fonda. Come ha spiegato Paolo Franco, “la Valli Bergamasche è l’evento che unisce storia, passione per le moto e territorio. La realtà di Acerbis costituisce un fiore all’occhiello non solo per Albino e il territorio bergamasco, ma per l’intera Regione Lombardia. Sono aziende come queste che offronto significative opportunità di crescita e di sviluppo per i territori e per questo è doveroso il ringraziamento a sponsor e organizzatori. Serve però maggiore attenzione da parte delle nostre istituzioni alle esigenze di questo mondo produttivo –ha aggiunto Paolo Franco- e in particolare servono infrastrutture adeguate, servizi migliori, meno burocrazia e una sensibile riduzione della pressione fiscale”.

Lo storico promotore della manifestazione Franco Acerbis ha sottolineato come “il Mondiale ha alimentato nelle valli una storia di passione contagiosa. È un richiamo irresistibile. I partecipanti delle varie edizioni della Valli Bergamasche tornano sempre a visitare le nostre valli e ci mandano gli amici, contribuendo in modo sensibile al loro sviluppo turistico”. Il Presidente del Moto Club Bergamo Giuliano Piccinini ha infine ricordato “quest’anno celebrare 100 anni del Moto Club e 30 del Campionato del Mondo è quanto basta per non sentire la fatica della missione. Sarà un Gran Premio d’Italia memorabile, così come le manifestazioni e le gare di contorno che animano il programma di tre giorni di festa del motociclismo”

Atalanta, doppio colpo: conferma Pasalic e prende Muriel

Mario PasalicBERGAMO -- Il mercato dell’Atalanta entra finalmente nel vivo. Nelle ultime ore la Dea ha ...

Atalanta, Gosens: rifiutata offerta dallo Shalke 04

gosensBERGAMO -- Vuole giocare in Champions league, Robin Gosens. Il 25enne esterno tedesco resterà in ...