iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta, l’infortunio a Muriel riapre il valzer in attacco

Di Redazione17 Giugno 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Frenato l'affare praticamente già concluso. La società di Percassi torna sul mercato

Atalanta, l’infortunio a Muriel riapre il valzer in attacco
Antonio Percassi

BERGAMO — Tutto da rifare per il rinforzo in attacco. L’Atalanta rallenta nella trattativa per Luis Muriel.

Inevitabilmente perché il grave infortunio occorso sabato notte al 28enne attaccante colombiano, che ha riportato una lesione al legamento collaterale del ginocchio dopo un contrasto con Paredes nella partita d’esordio della Coppa America vinta contro l’Argentina, ha frenato un affare praticamente già quasi concluso.

Mancava il nero su bianco, perché la dirigenza atalantina attendeva questa settimana, una volta scaduta l’opzione di riscatto della Fiorentina, per definire l’affare con il Siviglia sulla base di un’intesa da 15 milioni. Ora logicamente è tutto da rivedere, con calma, valutando quali siano i reali tempi di recupero del giocatore, stimati intorno a 80/90 giorni.

In pratica Muriel tornerebbe disponibile a fine agosto o inizio settembre ma poi avrebbe bisogno di qualche settimana per ritrovare la condizione ideale. Per cui difficilmente sarebbe pronto per la prima gara di Champions, il 17 settembre, e sarebbe a rischio anche per la seconda, il primo di ottobre.

Ora la Dea valuta delle possibili alternative. Difficile il cagliaritano Pavoletti, incedibile per i sardi, non convince del tutto Inglese del Napoli, piace il 21enne Patrick Cutrone del Milan e poi c’è il romanista El Shaarawy. Tanti nomi, il mercato è ancora lungo.

Fabrizio Carcano

Basket, i Toronto Raptors vincono la Nba

I Toronto Raptors vincono la NbaTORONTO, Canada -- I Toronto Raptors hanno vinto il loro primo storico titolo NBA di ...

Atalanta, doppio colpo: conferma Pasalic e prende Muriel

Mario PasalicBERGAMO -- Il mercato dell’Atalanta entra finalmente nel vivo. Nelle ultime ore la Dea ha ...