iscrizionenewslettergif
Politica

Boccardo (Fi) avverte: lo stadio non sarà tutto rose e fiori

Di Redazione21 Maggio 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

La presidente cittadina di Forza Italia: nei quartieri attorno restano i problemi

Boccardo (Fi) avverte: lo stadio non sarà tutto rose e fiori
Desilia Boccardo

BERGAMO — “La stadio di Bergamo non sarà tutto rose e fiori. E i quartieri lì intorno se ne renderanno conto presto”. Desilia Boccardo è una di quelle persone che i problemi concreti, reali, della gente li conosce alla perfezione. E’ stata sindaco di Bonate Sopra e dunque sa cosa vuol dire amministrare un comune e parlare con chi ci abita.

Da qualche anno è il presidente del comitato cittadino di Forza Italia. Vive in Conca Fiorita ed è candidata per gli azzurri alle amministrative di Bergamo. “L’amministrazione Gori – spiega in quest’intervista a Bergamosera – ha fatto passare la ristrutturazione dello stadio, che comunque andava fatta, per una riqualificazione anche del quartiere. Secondo me invece i quartieri intorno al nuovo stadio di benefici ne avranno pochi. Perché al di là dell’aspetto sportivo, e nonostante le rassicurazioni, le problematiche principali – viabilità, parcheggi, inquinamento acustico e visivo, verde pubblico – rischiano di non essere risolte, anzi si amplificheranno”.

“Ho una certa esperienza in campo amministrativo e siccome ho a cuore la mia città natale, dove ho anche la fortuna di abitare, reputo giusto mettermi a disposizione dei cittadini”, continua Boccardo.

Le tre cose principali che vorrebbe fare una volta eletta?
I problemi di Bergamo sono molti. Vorrei una città più vivibile e più a misura d’uomo. Certamente mi batterò per una città più sicura, riproponendo il progetto “Strade sicure”. E poi vorrei che si pensasse meno alle grandi opere e più ai problemi che affliggono giornalmente i cittadini: la sistemazione dei marciapiedi, le strade dissestate, il potenziamento dell’illuminazione pubblica nelle zone buie, dotare Bergamo di parcheggi gratis, visto che sono tutti posti a pagamento.

Desilia Boccardo

Desilia Boccardo

Un giudizio sull’amministrazione Gori…
Non si può dire che la giunta Gori non abbia prodotto nulla. Qualcosa di buono c’è stato sul versante delle opere: però non ha fatto che proseguire quanto messo in campo dalla giunta Tentorio e cioè dal centrodestra. Tuttavia non è andata molto oltre. Sono sotto gli occhi di tutti il forte ritardo della ristrutturazione della Montelungo con la possibilità di perdere i finanziamenti, il ritardo dei lavori (circa 9 mesi) del parcheggio alla Fara, con un costo aggiuntivo stimato in 2 milioni.

Come vede la Bergamo dei prossimi anni?
Le spiego come desidererei la Bergamo futura. Considerato che la gente si sta progressivamente distaccando dalla politica e dall’amministrazione delle città, la mia visione va verso un nuovo corso, che coinvolga le libere associazioni, le associazioni di categoria, le realtà imprenditoriali, il mondo della scuola, la Curia e le realtà parrocchiali, i comitati spontanei dei cittadini, gli organi di informazioni. Quanti cioè, possano concorrere positivamente e attivamente a dare alla politica un volto nuovo e una nuova prospettiva al futuro della città.

Come si vive, secondo lei, nei quartieri di Bergamo?
Attualmente i quartieri sono lasciati alla deriva. Nel 2010 sono state eliminate le circoscrizioni. Oggi i problemi dei quartieri sono demandati per la proposta e la discussione a reti sociali che al momento risultano fallimentari. Avrebbero avuto il compito di coinvolgere i cittadini, ma non mi sembra ci siano riuscite, se non in minima parte. Come mossa elettorale, sono state aumentate per numero e stanziamenti. Ma i problemi sono ancora gli stessi: viabilità e sosta, manutenzione strade e giardini, sicurezza, e così via.

Stadio, come vede l’operazione?
Parlo come residente di Conca Fiorita che vive quotidianamente le problematiche che lo stadio causa. Costruirlo ex novo fuori dall’abitato sarebbe stata la cosa più intelligente e razionale. Preso atto che non si è andati in quella direzione, speravo che con il piano attuativo si fossero presi in considerazione e risolti alcuni problemi che gravano sulla zona, in primis viabilità e parcheggi. Beh, da quanto appreso, mi pare che non sia così.

Desilia Boccardo

Desilia Boccardo

Le prima accennava alla sicurezza: Bergamo è davvero sicura?
No. Ogni giorno ci sono notizie di scippi, zuffe fra extracomunitari, furti di macchine, furti nelle case. Come si può definire sicura una città così? Ricordo quando si poteva rincasare a piedi anche a ora tarda: oggi è impensabile. Sento dire che i piccoli reati sono calati. Invito chi lo asserisce a domandare alla gente, visto che molti episodi non vengono denunciati per paura di ritorsioni o perché comunque resterebbero irrisolti.

Domanda più politica: che ruolo avrà Forza Italia alle prossime elezioni?
E’ inutile negare che per Forza Italia è un periodo non troppo felice, visti anche i recenti casi di cronaca. Ma posso dire, senza ombra di smentita, che tra le fila del partito a Bergamo ci sono persone professionalmente preparate, oneste e trasparenti che si mettono in gioco per passione e per credo.

Ma quanto conteranno gli azzurri sul risultato finale?
In questa tornata elettorale, ritengo che Forza Italia sia fondamentale, insieme a tutte le liste collegate al candidato sindaco Giacomo Stucchi, per far prevalere il centrodestra in città.

Ultima domanda, da cittadino comune perché dovrei votare per lei?
Il mio motto elettorale dice “impegno per Bergamo”. Chiedo fiducia ai cittadini perché mi sento di poter dare qualcosa alla mia città: esperienza, onestà, trasparenza, e un grosso impegno nell’affrontare temi e problemi che stanno a cuore ai bergamaschi.

Niente islamici: la Regione ricompra l’ex chiesetta

Giacomo StucchiBERGAMO -- "Grazie al Governatore Attilio Fontana e a tutta la giunta regionale per aver ...

Case popolari: nuovi stanziamenti della Regione

Attilio FontanaBERGAMO -- Il ministro delle Infrastrutture e il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana hanno ...