iscrizionenewslettergif
Bergamo

Bergamo, Camera di commercio: ecco il bilancio

Di Redazione15 Maggio 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bergamo, Camera di commercio: ecco il bilancio
La Camera di commercio di Bergamo

BERGAMO — Il 2018 si chiude per la Camera di Commercio di Bergamo positivamente e con un avanzo di 259.852 euro. Lo rende noto l’ente camerale stesso.

La Camera si conferma ente finanziariamente solido e attento nella gestione, anche in un periodo caratterizzato dal prolungarsi del processo di riforma del sistema camerale che ha ridefinito le funzioni e confermato il taglio del diritto annuale del 50% rispetto al 2014.

“Pur con la consistente riduzione delle nostre entrate, – commenta il presidente Paolo Malvestiti – compensata soltanto in parte dall’aumento del 20% del diritto annuale per il triennio 2017-2019, autorizzato dal Ministero per lo sviluppo economico e destinato ai progetti strategici: ‘Punto Impresa Digitale’, ‘Orientamento al lavoro e alle professioni’, ‘Turismo e attrattività, la Camera di Bergamo è riuscita a sostenere nel 2018 lo sviluppo economico locale con interventi a supporto delle imprese per oltre € 9.400.000, il 42% in più rispetto al 2017″.

Sul fronte dei ricavi si registra un aumento del 22% rispetto al 2017 con riferimento ai proventi da diritto annuale risultati pari a 13,645 milioni mentre sono confermati i proventi per diritti di segreteria pari a 5,34 milioni di euro.

Per quanto riguarda gli oneri correnti, sono complessivamente pari a 20,8 milioni con un aumento del 19% rispetto al 2017, proprio legati alle maggiori spese per le attività e gli interventi a sostegno del tessuto economico provinciale.

Rimane sempre pesante l’effetto sulle finanze dell’Ente degli esborsi previsti dai decreti “taglia spese”: infatti anche l’anno 2018 il contributo forzoso all’Erario è stato pari a 971mila euro.

La gestione finanziaria si è chiusa con un avanzo di 886mila euro, in linea con la previsione. La gestione straordinaria ha evidenziato un risultato positivo di 734mila dovuto principalmente alle sopravvenienze attive per diritto annuale di anni precedenti conseguenti dell’emissione di ruoli esattoriali.

Il presidente Malvestiti ha illustrato al Consiglio l’attività svolta sottolineando in particolare, tra gli altri, i seguenti interventi:
• sostegno all’internazionalizzazione con contributi diretti alle imprese per oltre € 800.000, e la realizzazione di seminari informativi, assistenza tramite Lombardia Point, progetti di accompagnamento, corsi e master, realizzati anche in collaborazione con Bergamo Sviluppo;
• marketing territoriale, con il sostegno a “Bergamo Scienza”, il supporto al sistema fieristico del territorio, la realizzazione del progetto “Forme” per la promozione dell’enogastronomia bergamasca, oltre a molte altre iniziative, quali per citarne alcune “De casoncello”, “Bergamo città-impresa”, Premio “Italia a tavola”, “Stracciatelling” per oltre € 1.600.000. Molte di queste si sono svolte in collaborazione con Turismo Bergamo;
• assegnazione tramite bandi di voucher digitali 4.0 per circa € 1.600.000: visto l’elevato gradimento del territorio – 255 le domande pervenute – l’Ente ha integrato con risorse ulteriori le disponibilità derivanti dall’aumento del 20% del diritto annuale;
• assegnazione tramite bandi di voucher per l’alternanza scuola-lavoro per circa € 400.000: 295 le domande finanziate con le risorse derivanti dall’aumento del 20% del diritto annuale;
• assegnazione tramite bandi di voucher EDT legati al progetto Turismo e attrattività per circa € 350.000: 109 domande finanziate con le risorse derivanti dall’aumento del 20% del diritto annuale.

Nel 2018 la Camera ha svolto poi il ruolo di stimolo dei principali attori economici del territorio sviluppando i lavori del Tavolo Ocse e del Tavolo dell’edilizia. È proseguita l’attività di studi e analisi territoriale con la diffusione periodica dei dati dell’Osservatorio sulle imprese, dell’interscambio con l’estero, della congiuntura economica e delle forze lavoro.
Oltre a ciò, i servizi di anagrafe delle imprese hanno gestito oltre 70.000 richieste di aggiornamento del Registro Imprese evase con una tempistica media inferiore ai 2 giorni lavorativi, hanno rilasciato direttamente circa 2.000 dispositivi digitali, acquisito oltre 23.000 bilanci e vidimato circa 9.000 libri contabili. Nel 2018 è continuato il servizio di Assistenza qualificata d’impresa per la registrazione di start-up innovative con supporto specialistico.

I servizi certificativi per l’estero hanno superato i 55.000 documenti rilasciati per l’esportazione. In materia di risoluzione delle controversie sono state gestite 253 procedure di mediazione e 25 arbitrati. I marchi e i brevetti registrati sono stati 384. In relazione agli adempimenti amministrativi l’Ente ha assicurato, come negli anni scorsi, una tempistica di pagamento dei fornitori che si mantiene inferiore a 20 giorni. “Tutti questi dati – conclude Malvestiti – confermano un’operatività elevata per la Camera di Bergamo e la sua azienda speciale Bergamo Sviluppo che hanno mantenuto prestazioni estremamente positive e un rapporto stretto con le imprese della provincia e le loro associazioni di categoria.”

Bergamo, Auchan vende a Conad: coinvolti 700 lavoratori

L'Auchan di via Carducci a BergamoBERGAMO -- Sarebbero poco meno di 700 i lavoratori coinvolti nella provincia di Bergamo dalla ...

Bergamo, fuori l’ombrello: fine settimana di piogge

Prevista pioggia: rinviata "Vivi Bergamo il giovedì"BERGAMO -- Sarà un fine settimana caratterizzato dal maltempo quello in arrivo in Bergamasca. Secondo ...