iscrizionenewslettergif
Sport

Ciclismo: il maltempo condiziona la Gimondi

Di Redazione6 Maggio 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Ciclismo: il maltempo condiziona la Gimondi
La salita di Selvino (foto Marco Quaranta)

BERGAMO — Nel nome dei “magnifici sette” vincitori dei tre grandi giri, la 23esima edizione della Granfondo Gimondi Bianchi passa agli archivi come una delle meno fortunate dal punto di vista meteorologico.

Era dal 2012 che la grande manifestazione disputata oggi a Bergamo non incontrava la pioggia: in quell’edizione (come pure l’anno precedente, anch’esso piovoso) fu necessario eliminare il percorso lungo, stavolta addirittura anche quello medio. “Un tempo del genere a inizio maggio è davvero impensabile, ma abbiamo cercato di garantire comunque una gara regolare e svolta in piena sicurezza – ha spiegato l’organizzatore Giuseppe Manenti -. Ci spiace per i partecipanti e per il freddo patito, tuttavia siamo convinti di aver comunque agito correttamente e in assoluta buonafede”.

Solo parte dei 4.065 iscritti ha preso regolarmente il via (starter Felice Gimondi e il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori) per affrontare la distanza più breve, gli 89,4 km comprendenti Colle del Pasta, Colle del Gallo e Selvino dove alle ore 6:00 si registrava una temperatura di 3°. Le previsioni meteo non erano favorevoli ma la situazione si è complicata con una piccola bufera di neve sul Selvino, a seguito della quale l’organizzazione ha portato soccorso ai circa 50 partecipanti fermatisi in quota infreddoliti, deviando intanto la coda del gruppo verso Bergamo.

Federico Brevi (foto Marco Quaranta)

Federico Brevi (foto Marco Quaranta)

Federico Brevi, 32enne operaio bergamasco (ma residente a Tirano) ha conquistato la vittoria in 2 ore, 29 minuti e 29 secondi, Al secondo posto il tedesco, Maximilian Hornung, dirigente di un laboratorio farmaceutico ad Aschaffenburg, a pochi chilometri da Francoforte, tornato quest’anno alla Gimondi dopo la bella esperienza del 2018. Terzo il bergamasco Luca Cantini.

In campo femminile quarta vittoria sul traguardo di via Marzabotto per Ilaria Lombardo, 49enne parmense, impiegata in un’agenzia di pubblicità. Aisling Flanagan, irlandese, si è piazzata seconda ma è stata beffata dal microchip non correttamente posizionato sulla bici, e dunque squalificata. Di conseguenza, il podio è stato completato da Barbara Zambotti (seconda) ed Erika Natati (terza).

Volley, lo Scanzo passa ai play-off

Matteo RivaBERGAMO -- Il ribaltone è servito: lo Scanzorosciate condanna Vittorio Veneto alla retrocessione, Concorezzo ferma ...

Bergamo Basket, vittoria in esterni

Ancora una buona prova per Brandon TaylorBERGAMO -- Ennesima prestazione sopra le righe di Bergamo, che sbanca la Grana Padano Arena ...