iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta, Ali Adnan saluta Bergamo e vola in Canada

Di Redazione12 Marzo 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Atalanta, Ali Adnan saluta Bergamo e vola in Canada
Ali Adnan

BERGAMO – L’avventura di Ali Adnan a Bergamo è finita. Senza tanti rimpianti reciproci. Il Bale della Mesopotamia è volato in Canada, ai Vancouver Whitecaps, dove giocherà il campionato nord americano della Major League Soccer.

L’Atalanta lo ha prestato al club canadese fino a giugno, poi Adnan tornerà sotto il controllo dell’Udinese che deciderà se riprenderselo o meno. Dipenderà da un suo eventuale rilancio con la maglia del Vancouver.

Adnan era arrivato a Bergamo ad agosto nell’ultimo giorno di mercato, in uno scambio di prestiti lungo la A4, con l’esterno romano Marco D’Alessandro andato a Udine e l’iracheno approdato alla corte di Gian Piero Gasperini.

Che inizialmente gli ha dato fiducia schierandolo subito titolare a Roma e poi nella successiva gara casalinga con il Cagliari e anche nell’intermezzo europeo a Copenaghen, dove Adnan era subentrato nella ripresa, giocando i supplementare e segnando pure il suo penalty nella serie conclusiva.

Tre partite in sette giorni, poi dal 2 settembre solo panchina, fino a metà dicembre quando l’esterno di Baghdad è stato autorizzato ad andare in Qatar per disputare la Coppa d’Asia con il suo Iraq.
Ai primi di febbraio è tornato a Zingonia, per qualche giorno, ma ormai non rientrava più nei piani tattici di Gasperini, così il club lo ha liberato, lasciandolo libero di trovarsi una nuova collocazione.

Dall’altra parte dell’oceano, per ricominciare, dopo aver fallito con l’Atalanta l’occasione per fare il salto di qualità.

Fabrizio Carcano

Samp-Atalanta, tensioni nel tunnel: Gasperini si scusa

Gian Piero GasperiniBERGAMO -- Il giorno dopo le tensioni e i veleni di Marassi sono arrivate le ...

Champions, Cristiano Ronaldo porta la Juve ai quarti

Cristiano RonaldoTORINO -- Quando la posta in gioco è così alta, i veri campioni non sbagliano. ...