iscrizionenewslettergif
Parola all'avvocato

Difendersi dal telemarketing indesiderato. Ecco come fare

Di Redazione25 Febbraio 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

L'avvocato Arianna Gualandris spiega come evitare di ricevere sulla propria utenza fissa o mobile telefonate promozionali insistenti

Difendersi dal telemarketing indesiderato. Ecco come fare
Smartphone

Capita, sempre più di frequente, di ricevere sulla propria utenza fissa o mobile telefonate indesiderate a scopo statistico, promozionale e di ricerche di mercato. E’ possibile evitare che ciò accada? La risposta è si. Scopriamo come.

In primo luogo è bene ricordare che le società di telemarketing reperiscono il nostro numero di utenza accedendo a elenchi pubblici telefonici ovvero a seguito di consenso prestato, anche inavvertitamente, dallo stesso interessato. Per ciascuna delle modalità di raccolta qui rappresentate, la legge prevede una diversa tutela.

Per evitare di ricevere chiamate promozionali sulla nostra utenza fissa contenuta negli elenchi telefonici è possibile iscriversi al Registro Pubblico delle Opposizioni, istituito con il Dpr 178/2010 dal ministero dello Sviluppo economico-Dipartimento per le comunicazioni. L’iscrizione è gratuita, ha una durata indefinita e può essere revocata in qualsiasi momento. L’iscrizione può essere effettuata in diversi modi, tra cui la compilazione di apposito modulo elettronico disponibile sul sito www.registrodelleopposizioni.it.

Tuttavia, l’iscrizione al Registro impedisce esclusivamente la ricezione di chiamate promozionali sull’utenza contenuta in elenchi telefonici e non anche per telemarketing rivolto a numeri di telefono raccolti in base al consenso. Molto spesso, infatti, in occasione di acquisto di beni o servizi oppure in occasione dell’iscrizione a programmi di fidelizzazione, potremmo avere manifestato, anche inavvertitamente, il nostro consenso a che il nostro numero di cellulare venga utilizzato o comunicato a terzi per finalità di marketing, statistiche o ricerche di mercato.

Arianna Gualandris

Arianna Gualandris

In questi casi, la prima regola di prudenza da seguire è prestare attenzione a ciò che si sottoscrive: è buona norma verificare e leggere con attenzione ogni modulo di iscrizione che sottoscriviamo, riflettendo attentamente se si vuole acconsentire a tale trattamento oppure no.

In ogni caso, se, nonostante l’iscrizione al Registro delle Opposizioni, si dovessero ricevere ulteriori telefonate indesiderate, l’interessato può esercitare direttamente nei confronti dell’operatore economico cui si riferisce la campagna di telemarketing i diritti di cui agli articoli 15 – 22 del Regolamento (UE) 679/2016, ed in particolare di cancellazione e di opposizione, attraverso la compilazione di appositi moduli già pubblicati sul sito dell’Autorità garante che dovranno poi essere inviati all’operatore di riferimento.

Una volta che l’operatore economico, titolare del trattamento, riceve tale istanza di opposizione o cancellazione, questi deve inserire il numero di telefono dell’interessato in una apposita lista di non contattabilità. Se nonostante ciò, si dovessero ricevere nuovamente chiamate promozionali per conto di quel particolare operatore economico, l’interessato può presentare un reclamo o una segnalazione al Garante della Privacy.

Peraltro, la materia della tutela avverso il telemarketing indesiderato è particolarmente attenzionata. Invero, attualmente siamo in attesa della approvazione da parte del governo del regolamento attuativo della Legge 5/2018 che contiene nuove disposizioni in materia di iscrizione e funzionamento del registro delle opposizioni e istituzione di prefissi nazionali per le chiamate telefoniche a scopo statistico, promozionale e di ricerche di mercato.

Inoltre, il 19 gennaio 2019 è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il Dpr n. 149/2018, regolamento recante modifiche al decreto che ha istituto il Registro delle opposizioni con riguardo all’impiego della posta cartacea.

Arianna Gualandris

L’avvocato Arianna Gualandris è il referente “Diritto e nuove tecnologie” dell’Associazione italiana giovani avvocati (Aiga) di Bergamo.

Debiti col fisco: ecco come funziona il “saldo e stralcio”

SoldiGentile avvocato, ho appreso la notizia secondo cui è stata recentemente introdotta la possibilità di ...

Separazioni, mai più figli come pedine: arriva carta diritti

SeparazioneNasce in Italia la “Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori”, dieci punti ...