iscrizionenewslettergif
Provincia

Omicidio di Gorlago: carcere o domiciliari per Chiara Alessandri?

Di Redazione8 Febbraio 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Lo deciderà martedì prossimo il tribunale del riesame di Brescia. La donna continua a dire che non c'è stata premeditazione

Omicidio di Gorlago: carcere o domiciliari per Chiara Alessandri?

BERGAMO — Sarà il tribunale del Riesame di Brescia, con udienza fissata per martedì prossimo, a stabilire se Chiara Alessandri, accusata dell’omicidio e della soppressione di cadavere di Stefania Crotti, dovrà restare in carcere o essere messa agli arresti domiciliari.

La richiesta della difesa, retta dall’avvocato Gianfranco Ceci, è quella di trasferire il fascicolo alla procura di Bergamo, per competenza territoriale dal momento che l’omicidio sarebbe avvenuto nel garage dell’Alessandri a Gorlago.

Tuttavia la procura potrebbe contestare che, stando alle indagini, Stefania Crotti non era ancora morta al momento in cui le è stato dato fuoco nel campo di Erbusco dove poi è stata trovata carbonizzata.

Dunque, dal giudizio del Riesame, si capirà molto sugli orientamenti della vicenda. Intanto Chiara Alessandri nei giorni scorsi ha incontrato per la prima volta in carcere la madre, 77enne. L’anziana era accompagnata dall’avvocato Ceci. La 44enne ha ribadito la sua versione. Non si sarebbe trattato, a suo dire, di un omicidio premeditato ma di una lite degenarata.

La neve non ferma il bimbo: mamma partorisce in auto

L'ambulanzaBERGAMO -- Si sono messi in viaggio in auto di buon mattino, alle prime ...