iscrizionenewslettergif
Politica

Migranti, ricollocamenti anche in Italia: ira di Salvini

Di Redazione9 Gennaio 2019 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Sbarcano a Malta gli immigrati della Sea Watch e della Sea Eye. Il ministro dell'Interno: non autorizzo arrivi

Migranti, ricollocamenti anche in Italia: ira di Salvini
Matteo Salvini

ROMA — E’ destinata a provocare forti fibrillazioni nel governo l’accordo sui migranti della Sea Watch e della Sea Eye. Il premier maltese Joseph Muscat ha annunciato il via libera all’accordo europeo sui migranti auspicato da Conte, ma il ministro dell’Interno Salvini nega: “Io non autorizzo arrivi di migranti”.

Secondo quanto reso noto in una conferenza stampa del primo ministro maltese, i migranti, che stanno sbarcando a Malta, verranno redistribuiti in 8 paesi Ue tra i quali l’Italia. Si tratta di Germania, Francia, Portogallo, Irlanda, Romania, Lussemburgo e Olanda. Berlino ha annunciato che prenderà 60 profughi.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha peraltro puntualizzato di non aver autorizzato alcuno sbarco. “Io non autorizzo arrivi di migranti”, ha detto, dopo che ha anche accusato gli alleati M5s di non averlo avvertito della decisione di prendere parte delle persone soccorse dalle ong. “Le scelte – ha aggiunto – si condividono e le riunioni si fanno prima non dopo”.

Salvini ha lamentato il fatto di non essere stato consultato prima della decisione. “Che siano otto o ottantotto migranti, io non autorizzo nessuno a entrare in Italia”. E aggiunge, rivolto al premier: “Conte manda un aereo a prenderli? Io l’aereo lo uso per altre cose”. E aggiunge: “Io non autorizzo arrivi di migranti. Ci si consulta prima di prendere decisioni come questa”. Ma per Giancarlo Giorgetti l’esecutivo “non è a rischio”. Ma al tempo stesso “la vicenda non si può considerare risolta”.

“Serve un chiarimento all’interno del governo”, dice Salvini. “Quando? Subito, stasera”. “La mossa di Conte non la capisco, non ha senso. L’estate scorsa i Paesi europei si erano impegnati a prendere 650 migranti sbarcati in Italia, ma solo 150 sono stati effettivamente redistribuiti. Prima ricollochiamo i 500 che restano poi ci occupiamo di 8, così farei io se fossi primo ministro. Ma non lo sono, quindi il presidente Conte si prenderà le responsabilità della sua scelta”.

Migranti, Salvini ribadisce: non sbarca nessuno

Matteo SalviniROMA -- "Non cambio e non cambierò mai idea: un cedimento significherebbe riaprire le porte ...

Dieci migranti all’Italia: ma nessuna crisi di governo

Di Maio, Conte e SalviniROMA -- L'obiettivo principale è proseguire con questo governo. Pertanto alla fine Matteo Salvini ha ...