iscrizionenewslettergif
Italia

Maltempo, morti e devastazione: Italia in ginocchio

Di Redazione5 Novembre 2018 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Dopo le vittime e i disastri, sarà un'altra settimana difficile. Il vento sradica 14 milioni di alberi

Maltempo, morti e devastazione: Italia in ginocchio
Gli alberi abbattuto hanno riempito un lago

ROMA — Morti e feriti. Milioni di alberi abbattuti. Allagamenti, inondazioni. E’ un bollettino di guerra il passaggio del maltempo sull’Italia.

Anche questa settimana il paese dovrà fare i conti con piogge e temporali. Dall’Oceano atlantico, arriveranno infatti diverse perturbazioni, che, a più riprese, interesseranno le nostre regioni.

Per oggi ancora temporali e venti forti in Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Lazio dove l’allerta è arancione. È stata inoltre valutata allerta gialla sui settori occidentali del Piemonte, parte di Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna e Lazio, oltre che sulla Campania, su alcuni bacini di Abruzzo, Molise, Basilicata, Puglia e sull’intero territorio di Calabria, Sicilia e Sardegna.

In Sicilia, dove questa ondata di maltempo ha fatto 12 vittime, la Protezione civile regionale mantiene anche per oggi le condizioni di pre-allerta, con un bollettino diffuso sia per il rischio idrico sia per il rischio idrogeologico con livello giallo. Ma la conta delle vittime è ben più alta. Bufere di vento, grandine, mareggiate, piogge torrenziali e fiumi esondati hanno devastato la Penisola da nord a sud hanno provocato la morte di 30 persone.

Le salme delle 9 persone morte sabato sera nell’alluvione che ha colpito Casteldaccia sono state trasferite nella notte nella chiesa di piazza Ingastone a Palermo.

Intanto ieri Coldiretti ha diffuso una stima impressionante degli alberi abbattuti dal maltempo in Veneto: 14 milioni. Si tratta di poco più dell’uno per mille rispetto alla popolazione arborea complessiva del Paese.

In Italia ci sono circa 12 miliardi di alberi. Lo ha calcolato il Corpo Forestale dello Stato con un margine d’errore dell’1%, utilizzando apparecchiature Gps e sistemi Gis, con l’ausilio di tecnologia satellitare per analizzare circa 37 mila punti di rilevamento.

Onde di 10 metri: ma il pino sullo scoglio resiste

Il pino sullo scoglioGENOVA -- Ha resistito a onde alte 10 metri l'ormai celebre pino che si trova ...

Segrega e stupra la ex fidanzata: arrestato

carabinieriMILANO -- E' rimasta segregata per due giorni in casa dall'ex che l'ha ripetutamente violentata, ...