iscrizionenewslettergif
Valseriana

Piario, il tar blocca la chiusura del punto nascite. Per ora

Di Redazione14 settembre 2018 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Decisione sospesa fino alla prossima udienza. L'ira dell'assessore regionale Gallera

Piario, il tar blocca la chiusura del punto nascite. Per ora
La petizione contro la chiusura del punto nascite di Piario

BERGAMO — Una notizia importante fa sperare la Valseriana: il Tar ha bloccato provvisoriamente il provvedimento della Regione Lombardia che prevedeva la chiusura del punto nascite dell’ospedale di Piario entro fine anno.

Il tribunale amministrativo della Lombardia ha sospeso la delibera con cui la Regione aveva decretato la tanto discussa chiusura. Un round a favore dei sindaci che avevano presentato ricorso.

Il presidente del tribunale amministrativo ha sospeso l’esecuzione della delibera fino alla prossima camera di consiglio, durante la quale si tratterà in sede collegiale l’istanza cautelare (conferma della sospensiva).

La valle resta con i piedi per terra e per ora non esulta. La decisione del tar per ora rimanda solo tutto, però lascia speragli di speranza. Al contrario si dice esterrefatto l’assessore regionale Giulio Gallera: “Sono totalmente esterrefatto per la decisione del Tar – spiega – poiché la delibera si limitava ad una ferrea e pedissequa applicazione del decreto ministeriale 70. Una decisione – ha spiegato Gallera – che appare ancora più paradossale dal momento che Regione Lombardia, al fine di mantenere aperti i punti nascita, ha più volte chiesto una deroga al DM 70, che ci è stata negata dal Ministero ammonendoci più volte al rispetto della norma”.

“Nei prossimi giorni – ha sottolineato Gallera – presenteremo istanza di revoca del decreto per far valere le ragioni di Regione Lombardia che si è limitata ad applicare una legge. Inoltre la mancanza di ginecologi e pediatri nei presidi ospedalieri più piccoli, come Piario, rappresenta una drammatica criticità. Purtroppo, nessun magistrato, per decreto, può garantire la partecipazione di personale sanitario ai numerosi bandi indetti da quei presidi. Non sappiamo, dunque, fino a quando potremo contare sulla presenza dei medici necessari a garantire i requisiti di sicurezza del punto nascita di Piario».

Castione, trattore si ribalta: grave il conducente

BERGAMO -- Un agricoltore è rimasto gravemente ferito dopo essere caduto dal trattore che stava ...

Scontro a Ranica: muore 48enne di Nembro

L'ambulanzaBERGAMO -- E' di un morto e un ferito il bilancio di un incidente stradale ...