iscrizionenewslettergif
Bergamo

Storie di alternanza: vincono Paleocapa e Secco Suardo (foto)

Di Redazione22 maggio 2018 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Conclusa la contest di Bergamo Sviluppo con i videoracconti degli studenti

Storie di alternanza: vincono Paleocapa e Secco Suardo (foto)
Gli allievi del Secco Suardo

BERGAMO — “And the winner is”: Itis Paleocapa e liceo Secco Suardo. Sono le due scuole vincitrici del premio “Storie di alternanza” promosso dalla Camera di commercio di Bergamo, attraverso l’azienda speciale Bergamo Sviluppo.

Obiettivo del premio: raccontare, attraverso l’uso di filmati, i progetti di alternanza scuola-lavoro ideati e realizzati dagli studenti e dai tutor degli istituti scolastici superiori durante l’ultimo periodo.

Diciamolo con onestà: la procedure della Legge 13/2015, per quanto importanti, sono difficili da masticare a quell’età. Soprattutto se si tratta di ore extrascolastiche che vorrebbero dedicare ad altro. Lo hanno confessato, anime belle, gli studenti stessi.

Per rendere l’alternanza scuola-lavoro più digeribile, Bergamo Sviluppo ha estratto dal cilindro una gara. Anzi, una contest, termine che piace tanto ai ragazzi di oggi. Per giunta una video contest. Cresciuti a pane, smartphone e Youtube, gli studenti delle scuole bergamasche ci si sono buttati. Quando gli stimoli sono quelli giusti i risultati arrivano, eccome.

Eccoli: ben 34 video-racconti consegnati alla giuria composta dagli esperti Gisella Persico (Ufficio scolastico territoriale), Alessandra Ciccia (Informagiovani), Elisabetta Cortinovis (Università di Bergamo), Gemma Bonini (Confindustria), Oscar Mora (Confartigianato), Massimiliano Hangler e Pamela Mologni (Bergamo Sviluppo). Presenti nella sala Mosaico della Borsa merci di Bergamo anche la presidentessa della Camera di commercio Maria Paola Esposito e il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Patrizia Graziani.

Bergamo è stata la provincia in cui il contest ha attecchito di più in tutta Italia (ancor più della gigantesca capitale Roma).

Il premio è stato suddiviso in due categorie: istituti tecnici-professionali e licei. Alla fine vincono il Paleocapa, per la prima categoria, e il Secco Suardo, per la seconda. Il primo ha presentato il lavoro “Indossiamo la tecnologia” con il quale si è classificato davanti all’Isis Einaudi, e al Riva (menzione speciali al Marconi e al Turoldo). Il Secco Suardo ha vinto nei licei con il video “Didone ed Enea, attualità di una tragedia greca”, davanti alla Fantoni e al Galilei (menzione speciale al Don Bosco).

I vincitori riceveranno premi per un totale di 5.000 euro. I sei video premiati parteciperanno ora alla sessione nazionale, la cui premiazione avverrà il prossimo 30 maggio a Roma.

Ma al di là della competizione in sé, quei giorni spesi a sviluppare e raccontare i progetti resteranno nella memoria di ciascuno. Se li ricorderanno più avanti, quando ormai cresciuti penseranno alla loro scuola: e non c’è premio migliore, per tutti.

Il direttore generale di Bergamo Sviluppo Cristiano Arrigoni, al termine della mattinata, ha anticipato che da giugno le scuole potranno già iscriversi al prossimo bando. C’è da scommettere che ci sarà la fila.

Cooperativa Legler, concordato in bianco: ecco la situazione

Cooperativa LeglerBERGAMO -- Incontro ieri pomeriggio nella sede di Confcooperative Bergamo fra il Comitato dei creditori ...

Bergamo, Papa Giovanni in città: ecco dove vederlo

papa giovanni XXIIIBERGAMO -- Arriveranno giovedì a Bergamo le spoglie di Papa Giovanni XXIIIesimo. “Si comincia dalla ...