iscrizionenewslettergif
Bergamo

Uniacque: bilancio approvato all’unanimità (foto e video)

Di Redazione17 maggio 2018 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Tutti i Comuni azionisti votano l'approvazione. La società chiude con un utile di 9 milioni. Patrimonio netto raddoppiato

Uniacque: bilancio approvato all’unanimità (foto e video)
L'assemblea dei soci Uniacque

BERGAMO — Bilancio approvato all’unanimità ieri sera per Uniacque. Gli azionisti della società di gestione dell’acqua in Bergamasca si sono espressi così durante la riunione in seconda convocazione, alla Fiera di Bergamo.

A mettere tutti d’accordo sono i numeri, snocciolati da Paolo Franco. “Il bilancio al 31/12/2017 è chiuso con un utile di 9 milioni di euro e un patrimonio netto raddoppiato da 32 a 61 milioni – ha spiegato il presidente -. Dal 2013 ad oggi abbiamo rimborsato ai Comuni, che sono gli azionisti di questa società, debiti per 79 milioni”.

Uniacque serve oggi 161 paesi bergamaschi, qualcosa come 835mila cittadini. Ha diecimila chilometri di reti e lo scorso anno ha erogato oltre 63 milioni di metri cubi d’acqua.

La società ha investito tantissimo sul territorio bergamasco, nell’ammodernamento degli impianti e delle reti, e continuerà a farlo. “Per il triennio 2015-2017 – ha dichiarato ancora Franco – abbiamo effettuato investimenti per 66 milioni. Il nostro piano prevede per il 2018-2022 altri investimenti per 121 milioni di euro”.

L’obiettivo è la completa modernizzazione del sistema idrico bergamasco, la totale depurazione delle acque per evitare le sanzioni europee, e l’aggregazione delle resanti società di gestione idrica che operano in Bergamasca, con le quali sono in corso trattative. Nel frattempo Uniacque è diventata una società più solida con un capitale sociale 18 volte maggiore di quello iniziale. “Siamo passati da 2 a 36 milioni attuali – aggiunge Franco – il che ci dà margini di manovra anche con le banche e l’accesso ai mutui”.

Affiancato dal cda della società, dal rappresentante del Cisc (Comitato d’indirizzo strategico e controllo) Gianfranco Benzoni, dal direttore finanziario, dal nuovo direttore generale Sebastio, e supportato da numeri da capogiro, il presidente Franco incassa il pieno appoggio dall’assemblea: 100 per cento e bilancio approvato.

L’ein plein però non riesce sulla seconda votazione. Riguardava la cessione delle quote Uniacque acquistate a suo tempo dalla Provincia, che ora deve scendere al 5 per cento. Sul mercato sarebbero andate quote per l’1,41 per cento (oltre 500mila euro al valore nominale) che alcuni Comuni avrebbero dovuto acquisire con costi difficilmente sopportabili. Ebbene, Uniacque si è posta come “intermediario”, acquistando le proprie quote dalla Provincia per poi girarle ai Comuni, dilazionando il pagamento lungo la durata della concessione. La votazione si è chiusa con il 69 per cento di voti favorevoli, 1,5 contrari, 28,5 per cento astenuti (Comuni della Lega).

Il bilancio sociale – ovvero quanto la società restituisce ai bergamaschi -, è stato di 838 euro ad utenza nel triennio 2015-2017: più che raddoppiato rispetto al precedente. E il presidente Franco ne va orgoglioso: “La nostra società attinge risorse e le investe sul territorio creando un indotto di quasi il doppio – spiega Franco a margine dell’assemblea, nell’intervista a Bergamosera -. Il prodotto interno lordo prodotto da Uniacque, che è completamente pubblica, viene restituito per il 98 per cento al territorio bergamasco. Mentre altre società fanno dividendi per i loro azionisti, ma gli investimenti vanno da altre parti”.

Guarda l’intervista completa al presidente Paolo Franco.

Prezzo della benzina su: chiesta indagine dei Nas

Aumento delle accise sulla benzina?BERGAMO -- Schizzano alle stelle i prezzi dei carburanti in Italia. Lo denuncia il Codacons, ...

Teb, confermato il cda

Il direttore generale di Atb Gianni ScarfoneBERGAMO -- L’assemblea dei soci Teb, composta da rappresentanti della Provincia di Bergamo, Comune di ...