iscrizionenewslettergif
Politica

Il bergamasco Martina alla guida del Pd: ora collegialità

Di Redazione13 marzo 2018 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il bergamasco Martina alla guida del Pd: ora collegialità
Maurizio Martina

ROMA — “Le dimissioni di Matteo Renzi esempio di stile e coerenza politica. Dalla sconfitta il Pd saprà risollevarsi, con umiltà e coesione. Ora fiducia in Maurizio Martina”, ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, al termine della direzione del partito.

Il vicesegretario del Pd, il bergamasco Maurizio Martina, prende dunque le redini del partito, dopo le dimissioni di Renzi, per traghettarlo al nuovo congresso.

“Con il vostro contributo – ha detto Martina – cercherò di guidare il partito nei delicati passaggi interni e istituzionali a cui sarà chiamato. Lo farò con il massimo della collegialità e con il pieno coinvolgimento di tutti, maggioranza e minoranze, individuando subito insieme un luogo di coordinamento condiviso. Chiedo unità”.

“La collegialità è essenziale, non è una concessione ma un’assunzione di responsabilità – ha detto Andrea Orlando in direzione Pd chiedendo le dimissioni della segreteria -. Non capisco però il residuo di classe dirigente precedente, non perché parte di quelli o tutti non possano far parte di un percorso collegiale ma forse per far parte di una fase nuova questa evoluzione sarebbe necessaria”. “Non guardateci male se chiediamo qualche garanzia. L’ultima direzione ha creato un vulnus nei rapporti”, afferma.

Martina: il Pd resta all’opposizione

Maurizio MartinaROMA -- "La segreteria si presenta dimissionaria a questo appuntamento. Ma io credo sia importante ...

Salvini: non riporteremo Renzi e Gentiloni al governo

Matteo SalviniROMA -- "Gli italiani non ci hanno votato per riportare Renzi al governo, e neanche ...