iscrizionenewslettergif
Politica

Fdi: Meloni rieletta presidente. Torna la Santanché

Di Redazione3 Dicembre 2017 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Fdi: Meloni rieletta presidente. Torna la Santanché
Il nuovo simbolo dei Fratelli d'Italia

ROMA — Giorgia Meloni è stata rieletta presidente di Fratelli d’Italia al congresso del partito che si è tenuto ieri.

In Fratelli d’Italia arriva anche Daniela Santanchè: “Sono tornata a casa, nella mia famiglia, dove Fini non mi ha permesso di stare, lui che ha distrutto un sogno. Devo dire grazie a Giorgia che ha ricostruito questa casa e mi ha permesso di tornare dove sono nata. Sono emozionata – dice ancora – metterò la mia passione per aiutare Giorgia, non voglio togliere spazio a nessuno e non chiedo nulla”.

“Sono emozionata e orgogliosa di trovarmi qui”, ha detto arrivando al congresso di Fratelli d’Italia. A chi le chiede cosa l’abbia delusa di Berlusconi, risponde: “Io non sono delusa da nessuno. Sono nella famiglia in cui sono nata. Quì c’è una grande novità e per la prima volta nella storia della Repubblica abbiamo la possibilità che una donna possa fare il premier, questo è importante per una come me che crede nelle donne capaci. Quindi non nego di essere emozionata nel tornare nella ‘casa della madre’ in questo caso e non del padre è un momento di grande orgoglio. Giorgia dimostra di avere delle capacità di federatore, di saper unire, in Italia il centrodestra ha vinto quando c’è una destra protagonista lo abbiamo visto in Sicilia e a Milano dove possiamo dire che c’era un candidato moderato. Mio padre mi ha insegnato che ad essere moderati a tutti i costi si diventa modesti e lì abbiamo perso e non devo ricordare la ferita di Roma, se fossimo stato uniti ora avremmo la Meloni sindaco. Voglio aiutare la destra ad essere protagonista perché in Italia come in Europa soffia un vento di destra”.

“Se il centrodestra nel ’94 ha trovato la sua sintesi intorno alla parola libertà ora la deve trovare intorno alla parola identità” ha detto Meloni.

“Questa è la proposta che faremo al centrodestra non più casa delle libertà ma casa dell’identità. Faremo di tutto per costruire la coalizione ma fatemi dire che non si fa per forza la coalizione, la si fa se ci sono condizioni altrimenti ci sono altre strade. Noi non siamo figli di dio minore, con noi dovete fare i conti. Non andremo al rimorchio, siamo forza trainante”.

“Nel centrodestra ci sono differenze di linguaggio e di stile ma nella coalizione non ci sono temi importanti su cui si registrano differenze”. Lo afferma Silvio Berlusconi intervistato da Studio Aperto e chiarendo che, “come sempre, Forza Italia sarà trainante in questa coalizione “unita”.

Liberi e uguali: nasce la sinistra di Grasso

Pietro GrassoROMA -- Si chiamerà "Liberi e uguali" la nuova formazione che raggruppa le forze della ...

Gori, appello alla sinistra: solo uniti vinceremo

Giorgio GoriBERGAMO -- Le diatribe fra sinistra e centrosinistra potrebbero costare carissimo a Giorgio Gori, candidato ...