iscrizionenewslettergif
Retroscena

Renzi e il sottile gioco regionali-Rosatellum

Di Redazione24 Ottobre 2017 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Renzi e il sottile gioco regionali-Rosatellum
Matteo Renzi

ROMA — Un sottile legame, impercettibile al grande pubblico ma chiaro agli addetti ai lavori, lega le sorti della legge elettorale alle elezioni regionali siciliane.

Dopo anni di immobilismo legislativo in materia, sono in molti a chiedersi come mai nelle ultime settimane il segretario del Pd Matteo Renzi abbia imposto alla maggioranza in parlamento una marcia a tappe veloci (e forzate) verso l’approvazione della nuova legge elettorale, il cosiddetto Rosatellum.

Il motivo è molto semplice: Renzi vuole evitare le conseguenze di quanto fatalmente accadrà alle prossime elezioni in Sicilia. Stando agli ultimi sondaggi, in terra sicula il Pd rischia una Caporetto senza precedenti. Le ultime rilevazioni parlano di cifre molto, ma molto al di sotto del 20 per cento.

Se così fosse, la debacle siciliana potrebbe portare un’intera ala del partito – quella che fa capo a Franceschini, Orlando, Cuperlo e Calenda -, a spingere per recuperare i rapporti a sinistra, con l’Mdp di Speranza, Bersani e D’Alema.

Fumo negli occhi per l’ex premier che pur di evitare richieste dagli odiati ex, che rimetterebbero in discussione la legge elettorale con il rischio magari che una fetta del Pd tentenni, ha deciso di accelerare il più possibile i tempi. Tanto che è spuntata la fiducia anche in senato.

La Lega e la tentazione di un governo col M5s

Matteo SalviniMILANO -- Ufficialmente segue la strada del centrodestra. Ma sono in molti a sostenere che ...

Pd nei guai: il Rosatellum spiana la strada al Centrodestra

Renzi, Berlusconi, GrilloROMA -- Se il Pd non ritroverà l'unità con il resto della sinistra, con la ...