iscrizionenewslettergif
Retroscena

La Lega e la tentazione di un governo col M5s

Di Redazione27 Settembre 2017 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Il Carroccio studia la seconda via: un accordo post elettorale con i pentastellati

La Lega e la tentazione di un governo col M5s
Matteo Salvini

MILANO — Ufficialmente segue la strada del centrodestra. Ma sono in molti a sostenere che per la Lega la via più semplice per andare al governo del paese sia l’alleanza con il Movimento 5 stelle.

Salvini da tempo ha più di un dubbio su Berlusconi. Non lo ha mai negato e teme che, con un trucco di palazzo (leggasi legge elettorale), Forza Italia arrivi all’inciucio con il Pd.

E così in via Bellerio si starebbe studiando la seconda via, buona nel momento in cui il centrodestra non avesse i numeri per governare o Berlusconi, alleato in Europa della Merkel, non volesse mandare Salvini a Palazzo Chigi.

L’ipotesi di un accordo con il Movimento 5 stelle è tutt’altro che un’idea balzana. La Lega condivide con i pentastellati alcuni obiettivi antisistema, come la revisione dei trattati. In più ci sono i numeri che garantirebbero una certa solidità parlamentare.

Contatti informali in Transatlantico ci sarebbero già stati nelle scorse settimane.

L’idea è quella di andare al voto divisi, indipendentemente dalla legge elettorale, e poi vedere i numeri in parlamento. Se M5S-Lega fosse l’unica soluzione per dare un governo al Paese, né Di Maio né Salvini si tirerebbero indietro. L’ipotesi sarebbe quella di un esecutivo di tecnici di area, indicati dai due partiti, su un programma snello e preciso.

Un programma che comprenderebbe la riforma delle pensioni, del Jobs Act, della Giustizia e un più rigoroso controllo dell’immigrazione clandestina.

Centrodestra, ipotesi listone: ecco chi verrebbe candidato

Salvini, Berlusconi e Meloni a BolognaMILANO -- Nonostante non piaccia a nessuno, l'ipotesi di un listone di centrodestra alle prossime ...

Renzi e il sottile gioco regionali-Rosatellum

Matteo RenziROMA -- Un sottile legame, impercettibile al grande pubblico ma chiaro agli addetti ai lavori, ...