iscrizionenewslettergif
Politica

Paolo Berlusconi a Cisano Bergamasco (foto)

Di Redazione1 Giugno 2017 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Per la cena a sostegno del candidato sindaco Giovanni Buono

Paolo Berlusconi a Cisano Bergamasco (foto)
Paolo Berlusconi (copyright Bergamosera.com)

CISANO — Una strana coppia. Da una parte uno degli imprenditori più noti d’Italia. Dall’altra il candidato sindaco di un paesino della Bergamasca, Cisano, seimila anime, forse qualcuna in più.

Il primo è Paolo Berlusconi, fratello di Silvio. Imprenditore, editore del Giornale, volto noto del gossip e della televisione. Affabile, cordiale, simpatico, dalla parlata identica al fratello ex premier. E lontano anni luce dagli stereotipi del ricchissimo e snob che piacciono tanto a taluni giornali.

Il secondo è Giovanni Buono, 39 anni, geometra e di professione imprenditore edile, candidato sindaco della lista “Popolari, indipendenti per Cisano”.

Berlusconi e Buono non potrebbero essere più diversi. Estroverso il primo, capace di passare con sorprendente disinvoltura da argomenti seri ai giochi di prestigio, dalla vendita del Milan alle barzellette. Introverso, quasi timido, modi pacati, tono di voce mai sopra le righe, il secondo. Tombeur de femmes il milanese. Famiglia e figli piccoli il bergamasco. Ad unirli, però, c’è una passione: quella per Silvio Berlusconi.

Genetica per Paolo. D’impegno politico per Giovanni. Quello che lo ha portato a diventare il responsabile provinciale del cosiddetto “esercito di Silvio”, falange disarmata dei berluscones, fedelissimi al leader.

Fra pacche sulle spalle e strette di mano, Berlusconi è arrivato in Bergamasca per sostenere la corsa del giovane Buono in Comune. Lo ha fatto durante una cena organizzata dal comitato elettorale al ristorante “Fatur”, sempre a Cisano.

Un centinaio gli invitati. Elencarli tutti finirebbe per far torto a qualcuno. Li vedete negli scatti fotografici realizzati da Vittorio Marchesi. Molti curiosi di sapere come fosse questo Berlusconi, quasi si trattasse di un extraterrestre. Forse lo è nei capitali. Di certo non nella disponibilità ad “aiutare chi è stato meno fortunato di lui”, ha detto durante un breve discorso rivolgendosi a ragazzi disabili.

Poi, dopo una serie di stoccate a Fini, Alfano e ai magistrati, ha avuto parole di stima e incoraggiamento per il candidato. “Tenacia, coraggio e pensiero positivo”. Termini che il fratello, sorprendendo la famiglia e mezza Fininvest, mutuò dall’imprenditoria e tradusse in politica nel lontano ’94. O almeno ci provò, prima che facessero di tutto per cacciarlo, sostengono i fedelissimi.

Oggi, affievolita la spinta forzista e in attesa del ritorno di Silvio, la corsa di Buono è in salita. Ma se sono riusciti a costruire un castello medioevale in cima a queste alture, nulla è impossibile. La fortezza è il punto di snodo fra la Bergamasca e il Lecchese. Da lassù s’incomincia a vedere il lago. La Brianza è poco oltre. Lì crediamo si sia diretta l’auto di Paolo Berlusconi al termine della cena.

La serata, è fuor di dubbio, è ruotata intorno a lui. Lo si sapeva. Lo aveva calcolato bene l’anfitrione, Carlo Scotti Foglieni. Bella location, testimonial celebre, per giunta congiunto del leader di Forza Italia, uguale pieno assicurato. E forse qualche voto in più anche per Buono. E’ la politica, bellezza.

Wainer Preda

Treviglio, Rossoni: Lega contro la discarica? Ormai è tardi

Laura RossoniTREVIGLIO -- L'istanza proposta dalla Lega in consiglio comunale per contrastare la realizzazione di una ...

Bergamo, centrodestra: candidato sindaco cercasi

Palazzo Frizzoni, sede dell'amministrazione comunale di BergamoBERGAMO -- Trovare un candidato non sarà facile. Anche perché il centrodestra bergamasco partirà in ...