iscrizionenewslettergif
Salute

Ecco la dieta per vivere più a lungo (e meglio)

Di Redazione8 maggio 2017 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Ecco la dieta per vivere più a lungo (e meglio)
Arriva la dieta "positive nutrition"

Intervenire su più fronti. E’ la soluzione proposta dalla cosiddetta “positive nutrition”, una dieta che che privilegia i cibi giusti per aiutarci a vivere meglio e più a lungo.

Non si parla, infatti, solo di longevità in senso stretto ma di durata della vita in buona salute, o “healthspan” come la definiscono negli Usa, ovvero la longevità al netto degli anni di malattia.

È questa la chiave, la svolta che può invertire il trend che ha portato un aumento dei casi di obesità in 45 anni dal 15 al 36% della popolazione adulta, con pacchetto calorico giornaliero superiore di 300 calorie rispetto agli anni Settanta.

La dieta è stata al centro del quarto congresso di scienze della nutrizione organizzato dalla Fondazione Paolo Sorbini con il patrocinio di Regione Lombardia a Milano.

“La Positive Nutrition – spiega Giovanni Scapagnini, medico e neuroscienziato, professore associato di biochimica clinica presso il dipartimento di Medicina e scienze della salute dell’Università del Molise- deriva da un concetto della psicologia e culturale che aiuta a raggiungere una maggiore felicità. Il cibo può essere una fonte di sostanze benefiche per la salute, veri e propri ‘farmaci’, con azioni ben precise sul funzionamento di ogni cellula”.

L’infiammazione è il nemico e bisogna combatterla anche a tavola con una strategia che riesca a controllarla mantenendola entro una zona di valori né troppo alti né troppo bassi, riducendo anche le calorie ma senza provocare quella spiacevole sensazione di sentirsi stanchi o affamati.

Pesce, alghe, verdure, spezie sono alcuni degli “alimenti-farmaci” che non dovrebbero mancare mai a tavola perché ricchi di acidi grassi omega-3 e polifenoli, ormai considerati dei “superfood” perché si è visto che sono molto presenti nell’alimentazione delle popolazioni più longeve.

Appartengono al gruppo deisSuperfood anche i polifenoli presenti nelle piante. “Si comportano come dei trainer per le nostre cellule perché sono in grado di innescare la trascrizione genica. In pratica – conclude Scapagnini – insegnano alle cellule a mantenere il controllo dello stress ossidativo, dell’infiammazione e del metabolismo”, allenandosi a vivere più a lungo.

Bergamo, tumori alla pelle in aumento

Tenete sott'occhio i neiSono in aumento i tumori alla pelle a Bergamo e provincia. E' quanto reso noto ...

Il caffé (moderato) porta benefici al cuore

Contro il Parkinson, un consumo regolare di caffèUn consumo moderato di caffè ha effetti benefici sull'apparato cardiovascolare, sia negli individui sani che ...