iscrizionenewslettergif
Bergamo

Lilliput, quarantamila persone alla fiera di Bergamo (foto)

Di Redazione20 marzo 2017 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Nelle quattro giornate di apertura. La manifestazione dedicata all'infanzia fa di nuovo centro

Lilliput, quarantamila persone alla fiera di Bergamo (foto)
Lilliput 2017

BERGAMO — Quarantamila persone in quattro giorni. Chiude con un altro successo Lilliput, la rassegna dell’infanzia che si è tenuta alla fiera di Bergamo.

Con il suo tradizionale e irresistibile mix fatto di tantissime attività sportive e altrettanti laboratori didattici, di momenti ludici e importanti appuntamenti formativi, anche quest’anno il salone ludico-educativo ha reso felici migliaia di bambini e raccolto unanimi apprezzamenti dalle tante realtà che operano nel settore.

Oltre 500 i professionisti della filiera che hanno animato il centinaio di spazi specifici allestiti su 17mila metri quadrati. Bambini, genitori, nonni, zii e amici, tutti insieme appassionatamente, per una giornata da mettere nell’album dei ricordi più belli, passata tra tanto divertimento, laboratori, spettacoli, formazione e impegno sociale.

Alcuni dati registrati tra gli stand: diecimila cappelli degli Alpini in cartoncino realizzati grazie al Gruppo Giovani Sezione Ana Bergamo; mille litri di latte offerti dal Distretto Agricolo Bassa Bergamasca; settemila carte d’identità rilasciate dalla città di Emergenzopoli; 6 chili di polvere di ceramica e 10 chili di tessere di mosaico per la realizzazione di laboratori storici, presso lo spazio Castello Visconteo di Pagazzano. Pienone agli stand di Cascina del sole. L’agriturismo di Carobbio degli Angeli, dotato di fattoria didattica e ippodromo, era presente sia all’interno della fiera sia all’esterno con un percorso per pony che ha fatto la gioia dei bambini.

“Nel 2004 abbiamo ideato e organizzato Lilliput per dare un contributo autorevole al tema della crescita formativa-educativa dei bambini e dei ragazzi – commenta Stefano Cristini, direttore Ente Fiera Promoberg -. La soddisfazione più grande è il verificare che, grazie a quattordici edizioni che si sono costantemente aggiornate per soddisfare le esigenze in continuo cambiamento dei bambini, Lilliput è diventato un brand di riferimento nazionale per tutta la filiera socio-educativa. Era il nostro obiettivo e per tali motivi, anche in anni in cui la crisi si è fatta sentire su tutti i fronti, Promoberg ha sempre dedicato le massime attenzioni e risorse possibili per allestire un appuntamento che, oltre alla forte valenza formativa-educativa, ricopre un significato profondo anche dal punto di vista sociale”.

Tra le sinergie importanti che si sono consolidate negli anni e che sono alla base del successo e della specificità della manifestazione, citiamo quale esempio per tutti, l’area di Emergenzopoli, progetto dedicato alla sicurezza e che riunisce carabinieri, guardia di finanza, polizia di Stato, soccorso sanitario e vigili del Fuoco.

“Una partnership straordinaria – sottolinea Cristini – testimoniata dalla visita nella giornata inaugurale del prefetto di Bergamo, Tiziana Giovanna Costantino, accompagnata dai vertici locali di tutte le realtà coinvolte. Una così significativa e condivisa partecipazione conferma l’importante ruolo di Lilliput anche sul tema, importantissimo per le nuove generazioni, della prevenzione in materia di sicurezza”.

Ecco le foto della manifestazione.

Sapete qual è il cognome più diffuso a Bergamo? La classifica

Natale con il sole a BergamoBERGAMO -- Il cognome più diffuso in Bergamasca è Rota. E' quanto emerge dai dati ...

Regione Lombardia: Dettori si dimette dall’anticorruzione

L'ex procuratore capo di Bergamo Francesco DettoriBERGAMO -- L'ex procuratore capo di Bergamo Francesco Dettori si è dimesso in maniera "irrevocabile" ...