iscrizionenewslettergif
Economia

Ubi, perdita contabile da 830 milioni. Dividendo stabile

Di Redazione10 febbraio 2017 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Pesa la contabilizzazione anticipata del nuovo piano industriale. Dividendo a 0,11 euro per azione

Ubi, perdita contabile da 830 milioni. Dividendo stabile
Ubi Banca

BERGAMO — Il gruppo Ubi banca chiude il 2016 con una perdita contabile di 830 milioni di euro. Lo rende noto la banca stessa, in occasione dell’approvazione del bilancio dell’istituto.

La perdita contabile è dovuta soprattutto all’applicazione del piano industriale di incorporazioni e a svalutazioni tra le quali 73 milioni per la quota nel fondo Atlante, contro un utile di 116 milioni segnato nel 2015.

Al netto degli impatti del piano e delle poste straordinarie, l’utile normalizzato 2016 è di 111 milioni. Il parametro patrimoniale CET1 ratio ‘fully loaded’ sulla solidità patrimoniale è all’11,22%, rispetto all’11,28% del settembre 2016 e non include ancora l’effetto della deducibilità fiscale delle maggiori rettifiche su crediti.

Il 20 febbraio Ubi incorporerà altre 5 ‘banche rete’ (Popolare di Bergamo, Banco di Brescia, Banca di Valle Camonica, Popolare di Ancona e Banca Carime) in anticipo sui tempi previsti. Cinquecento lavoratori sono in uscita dal gruppo a fine mese e sono state ricevute richieste di adesione al fondo di solidarietà per oltre 1.250 risorse.

Il consiglio d’amministrazione proporrà la distribuzione di un dividendo da 0,11 euro per azione, in linea con quello dello scorso anno.

“Nel 2016 abbiamo avuto un anno, a mio avviso, di svolta per quanto riguarda il credito” ha commentato il consigliere delegato Victor Massiah. “Abbiamo assistito a una radicale riduzione del flusso di entrata dai crediti performanti nei non performimg loans. Il livello di un miliardo e trecento milioni é molto simile al livello di un miliardo e duecentocinquanta milioni che caratterizzava l’anno 2007, l’anno pre-crisi”.

Massiah si è detto ottimista sulla possibilità di raggiungere gli ambiziosi obiettivi previsti dal nuovo piano industriale della banca.

Bergamo Sviluppo: nuovo corso per imprenditori

Il direttore generale di Bergamo Sviluppo Cristiano Arrigoni con il presidente Angelo CarraraBERGAMO -- Arriva la nuova edizione di "Go-in'" (Go international be innovative), il corso organizzato ...

Imprese bergamasche: come trovare il partner commerciale

Accordo commercialeDopo aver affrontato gli spunti che la concorrenza ci può dare nell’attività di sviluppo business, ...