iscrizionenewslettergif
Poesie

Pianto dei poeti, di Alda Merini

Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pianto dei poeti, di Alda Merini

Ruba a qualcuno la tua forsennata stanchezza
o gemma che trapassi il suono
col tuo respiro l’ombra che sta ferma
di fronte ad un porto di paura
quel trascendere il mito
come se fosse forzatamente azzurro
o chi senza abbandono
che non sanno che il pianto dei poeti
è solo canto.
Canto rubato al vecchio del portone
rubato al remo del rematore
alla ruota dell’ultimo carro
o pianto di ginestra
dove fioriva l’amatore immoto
dalle turbe angosciose di declino
io sono l’acqua che si genuflette
davanti alla montagna del tuo amore.

Fuga di giovinezza, di Hermann Hesse

La stanca estate china il capo specchia nell'acqua il suo biondo volto. Erro stanco e impolverato nell'ombra ...

Nuda sei semplice come una tua mano, di Pablo Neruda

Nuda sei semplice come una tua mano, liscia, terrestre, piccola, rotonda, trasparente, riservi linee di ...