iscrizionenewslettergif
Politica

Calderoli: il Pd ha paura e vorrebbe posticipare il referendum

Di Redazione28 Giugno 2016 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Calderoli: il Pd ha paura e vorrebbe posticipare il referendum
Roberto Calderoli

ROMA — “Non c’è da stupirsi che un premier non eletto da nessuno sia fortemente allergico alla democrazia, ma Renzi non ci provi nemmeno a fare ciò che ha ipotizzato ieri il presidente della commissione Bilancio della Camera, Francesco Boccia”. Lo ha detto il senatore della Lega Nord Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato.

“Prima il sindaco Pd di Bergamo, Giorgio Gori, ha affermato su Twitter che bisognerebbe superare un esame di cittadinanza per votare (chissà se quell’esame lo supererebbero tutti i cinesi che sono andati a votare per Sala alle primarie milanesi del Pd) poi Boccia, intervenendo in Puglia alla manifestazione Digithon, ha proposto di posticipare il referendum costituzionale nella primavera del 2017, giustificando lo spostamento con la necessità di svolgere prima il congresso del Pd”, sottolinea Calderoli.

“Da quando l’assemblea interna di un partito fa slittare una scadenza elettorale? Non è forse più credibile il fatto che Renzi e suoi sono terrorizzati dai sondaggi, dal tonfo alle amministrative e dal risultato della consultazione britannica e vogliono cercare di evitare di dover onorare la promessa di dimissioni in caso di sconfitta, posticipando il referendum fino alla scadenza naturale del governo?”, conclude l’esponente della Lega.

Benigni (Forza Italia): a Gori dico che il popolo è sovrano

Stefano BenigniBERGAMO -- “Parlare di democrazia disinformata basandosi esclusivamente su sondaggi e dati campione, che con ...

Regione, Rizzi chiede il patteggiamento

Fabio RizziMILANO -- L'ex presidente della commissione sanità della Regione Lombardia Fabio Rizzi ha chiesto il ...