iscrizionenewslettergif
Economia

Azienda bergamasca in corsa agli European business awards

Di Redazione29 gennaio 2016 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Si tratta del gruppo Gsi (Global system international) di Scanzorosciate. L'ad Profeti: perseveranza, intelligenza e coraggio

Azienda bergamasca in corsa agli European business awards
Stefano Profeti, amministratore delegato di Gsi

SCANZOROSCIATE — C’è anche il gruppo bergamasco Gsi (Global system international) di Scanzorosciate, in corsa agli European business awards che stabiliranno quale è stata l’azienda europea di maggior successo nel bienno 2015-2016.

Il gruppo Gsi è specializzato in stampaggio, assemblaggio e verniciatura di materiale plastico composito per i settori agricolo, auto, camion e industria elettrica. Il gruppo conta 10 sedi in tutto il mondo, sparse fra Europa, Nordamerica, Sudamerica ed Estremo Oriente e un fatturato di 75 milioni di euro.

Gsi è stata selezionata per rappresentare l’Italia nel prestigioso contest europeo che celebra e promuove il successo imprenditoriale. Della giuria dell’European business awards fanno parte Rsm, Elite (Borsa italiana), UK Trade & Investment, PR Newswire.

Alla scorsa edizione del 2014 hanno partecipato alla gara circa 24mila piccole e grandi imprese provenienti da 33 paesi europei per un giro d’affari complessivo di più di mille miliardi di euro con quasi 3 milioni di persone coinvolte.

“Nei brevissimi tre minuti del video di presentazione che il contest impone a tutti i partecipanti – spiega l’amministratore delegato di Gsi Stefano Profeti – abbiamo condensato la crescita economica degli ultimi anni con una metafora sportiva”.

“Fare sport, come fare business, è sfida continua – continua Profeti -. I risultati si ottengono quando l’allenamento ci spinge ai nostri limiti e ci chiede di superarli con una consapevolezza che non è più solo agonismo e forza fisica, ma perseveranza, intelligenza tattica e coraggio. È questo il concetto che vogliamo trasmettere per raggiungere il nostro obiettivo più importante: combattere non per sconfiggere il nemico, ma per migliorarsi e crescere”.

Il video è visualizzabile e votabile al link che trovate qui.

“Abbiamo preso spunto dalla nobile arte del pugilato, perché sul ring, come nel business, non devi mai abbassare la guardia e ti devi battere al massimo delle tue capacità anche quando tutto sembra andare male, perché basta un solo colpo giusto per ribaltare la situazione e vincere. Senza mai arrendersi. Never give up”, conclude Profeti.

Banche: 23mila esuberi entro il 2018

BanconoteBERGAMO -- Sono fino a 23mila gli esuberi del settore bancario italiano previsti entro il ...

Tari, i commercianti: misurare la produzione di rifiuti reale

La raccolta rifiuti a BergamoBERGAMO -- La produzione di rifiuti è calata, ma le tasse sugli stessi in Italia ...