iscrizionenewslettergif
Economia

Bergamo, cresce (di poco) la produzione industriale

Di Redazione30 Luglio 2015 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Ripresa ancora debole nella nostra provincia. Volano invece gli ordinativi nella metalmeccanica

Bergamo, cresce (di poco) la produzione industriale
Produzione industriale

BERGAMO — Cresce, seppur di poco, la produzione industriale bergamasca nel secondo trimestre di quest’anno. Il dato è in controtendenza rispetto a quello nazionale. Tuttavia la ripresa nella nostra provincia è ancora debole.

E’ quanto emerge dall’ultima indagine congiunturale realizzata della Camera di Commercio.

Secondo i dati, tra aprile e giugno, la produzione industriale di Bergamo è cresciuta dell’0,2 per cento. Ma le oscillazioni irregolari degli ultimi trimestri, con alternanza di variazioni marginali più o meno intorno allo zero, evidenziano un’intonazione ancora debole della ripresa, con un lieve divario (-0,4 per cento) rispetto a un anno fa.

Il risultato medio regionale, che può contare su un errore campionario minore, descrive un più coerente ciclo di moderata ma crescente espansione (+0,7 nel trimestre, +1,9 su base annua) con variazioni in entrambi i casi in accelerazione.

Messa in conto la minore affidabilità statistica del campione provinciale, si osserva nell’industria di Bergamo una divaricazione ampia tra i settori (influenzata anche dalle tipologie, domestiche e internazionali, dei mercati di sbocco delle diverse filiere).

In particolare la meccanica bergamasca, che copre quasi la metà delle risposte del campione provinciale, continua a inanellare da tempo risultati molto positivi e con un’accelerazione della dinamica tendenziale: l’ultima variazione segna un progresso di oltre 6 punti percentuali sui livelli dello stesso periodo del 2014. Buoni risultati anche per il settore gomma-plastica.

L’insieme dei restanti indicatori del ciclo provinciale dell’industria conferma il consolidamento della fase di ripresa in corso: il saldo tra segnalazioni di crescita e diminuzione della produzione resta positivo (con oltre il 36% delle imprese in «forte» aumento tendenziale); il fatturato cresce, poco ma costantemente, grazie alle vendite all’estero ma anche a una risalita della domanda interna; gli ordini sono in ascesa, anche se la dinamica congiunturale di quelli esteri è modesta.

Sul versante occupazionale si confermano segnali moderatamente positivi (+0,3 per cento nel trimestre) e una riduzione del divario sui livelli dell’anno scorso. L’utilizzo della cassa integrazione (destinata in futuro ad essere progressivamente sostituita dai nuovi istituti e indennità di disoccupazione) è in lenta riduzione.

Nonostante un quadro internazionale in cui si sono recentemente moltiplicati rischi e incertezze, le aspettative delle imprese industriali sono ottimistiche e in miglioramento per produzione e occupazione; ancora largamente positive, seppur ridimensionate, per la domanda estera; e solo di poco negative per la stessa domanda interna.

L’artigianato manifatturiero di Bergamo torna a flettere in negativo (-1,8 nel trimestre, -1,4 su base annua). Anche in questo caso le oscillazioni della serie recente suggeriscono cautela nella lettura del dato locale, tanto più se si considera che il risultato complessivo del campione regionale è positivo (+0,8 nel trimestre, +1,6 sull’anno) e che lo stesso saldo provinciale tra aziende in crescita e in contrazione migliora per il terzo trimestre consecutivo. Sono in flessione le dinamiche di fatturato, occupazione e aspettative dell’artigianato bergamasco.

Buoni segnali provengono da commercio e servizi, a conferma di una moderata ripresa dei consumi interni. Nel commercio al dettaglio un aumento del +1,7 per cento delle vendite complessive su base annua, confermato anche dalla dinamica regionale, non si vedeva da tempo. Per la prima volta dal 2010, le imprese commerciali che segnalano un aumento tendenziale delle vendite prevalgono su quelle in difficoltà. Le aspettative sono timidamente positive ed il numero degli addetti delle imprese risulta in crescita, anche se non nelle imprese di maggiore dimensione.

Incoraggianti i dati provenienti dai servizi: il giro d’affari è in modesta crescita (+0,3 per cento) a Bergamo (lo è già da tempo in Lombardia) e anche le imprese dei servizi vedono prevalere le segnalazioni positive su quelle negative. Buoni i dati relativi all’occupazione, in peggioramento le aspettative.

Infine, nelle costruzioni sembra confermarsi a livello regionale, e anche in provincia di Bergamo, un lento progressivo miglioramento.

Istat, gli italiani vedono nero: cala la fiducia

SoldiROMA -- L'economia italiana è tutt'altro che in ripresa. Lo dicono gli indici sulla produzione ...

Benzina, siamo fra i più cari: ecco quanto costa in Europa

BenzinaROMA -- Nonostante la sensibile riduzione del costo del petrolio, in Italia il prezzo dei ...