iscrizionenewslettergif
Valseriana

Valbondione: inaugurato il “Centro Parco”

Di Redazione28 Luglio 2015 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Valbondione: inaugurato il “Centro Parco”
L'inaugurazione del primo centro Parco del Parco delle Orobie bergamasche

VALBONDIONE — Una rete di parchi per valorizzare le aree montane. Il taglio del nastro avvenuto la settimana scorsa a Valbondione ha dato il via all’iniziativa messa in campo dal Parco delle Orobie bergamasche, dal Parco della Grigna settentrionale e dal Parco Orobie valtellinesi.

La rete è finanziata dalla Regione Lombardia. Alla cerimonia di inaugurazione tenuta in Valseriana erano presenti il presidente del Parco delle Orobie bergamasche, Yvan Caccia, il sindaco di Valbondione Sonia Simoncelli, il sindaco di Valgoglio Eli Pedretti e altre autorità locali.

Sono 9 gli edifici restaurati, ristrutturati o allestiti con il contributo del Parco, omogeneamente distribuiti e dotati di arredi e apparati divulgativi.

All’interno di questi “Centri Parco” è stata realizzata una mostra dedicata al valore dell’agricoltura in montagna, che illustra il ruolo cardine svolto dalle attività alpicolturali per la conservazione degli ambienti a più elevata biodiversità e delle rilevanze naturalistiche di maggior pregio.

“I temi fondamentali che vogliamo affrontare nei Centri Parco sono l’importanza dell’agricoltura di montagna, la valorizzazione dei diversi territori del parco e l’interesse fondamentale degli ambienti acquatici, siano essi paludi o fiumi. Abbiamo scelto per questo di valorizzare interventi edilizi già attuati, spesso con il concorso del Parco, di coordinare azioni svolte in vari progetti – quali Bi.O.S. – per realizzare una rete di centri parco in un contesto omogeneo di didattica, informazione ed educazione ambientale” ha spiegato il direttore del Parco delle Orobie Bergamasche, Mauro Villa.

Aspetti più tecnici sono stati affrontati nel pomeriggio con l’approfondimento dedicato al progetto “Bios – Biodiversità orobica in Val seriana”, incentrato sullo studio, tutela e promozione della biodiversità in alta Valle Seriana.

Questa iniziativa è stata sviluppata dal Parco delle Orobie bergamasche, in partenariato con la Provincia di Bergamo, i Comuni di Oltressenda Alta, Valbondione, Valgoglio, ed il supporto dell’Associazione FAB (Gruppo Flora Alpina Bergamasca).

Il progetto si sviluppa in particolare nei contesti della Val Sanguigno (Comune di Valgoglio), dell’alto corso del Fiume Serio (Comune di Valbondione) e della Valzurio (Comune di Oltressenda Alta), contraddistinti da una significativa rilevanza naturalistica e paesaggistica e da un complesso sistema di ambienti caratterizzati da una ricca e preziosa presenza di acqua.

Sul Fiume Serio, sono stati effettuati specifici monitoraggi e studi di approfondimento per determinare lo stato ecologico del tratto di fiume interessato dalle cascate ed indagare gli effetti determinati dall’attuale regolamentazione dei flussi idrici.

In Val Sanguigno, cuore del progetto, sono stati effettuati numerosi monitoraggi per approfondire le conoscenze botaniche e faunistiche dell’intero bacino idrografico e sullo status del fauna ittica, in particolare della specie di interesse conservazionistico Cottus gobio (Scazzone). È inoltre in fase di attuazione la realizzazione di una passerella finalizzata alla corretta fruizione da parte degli escursionisti e visitatori delle torbiere, habitat tra i più caratteristici e di maggior interesse naturalistico della valle.

Castione: si parla di “gender” nella scuola

Interruzione dell'acqua a Castione della PresolanaCASTIONE DELLA PRESOLANA -- Si parlerà delle teorie del "gender" e delle ripercussioni sull'educazione dei ...

Clusone Jazz, gli appuntamenti del fine settimana

Clusone Jazz 2015CLUSONE -- Viaggiando sulle ali della musica, il festival del jazz approda a Clusone. Dopo ...