iscrizionenewslettergif
Politica

Maroni: niente soldi dalla Regione a chi accoglie clandestini

Di Redazione8 Giugno 2015 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

La proposta del governatore della Lombardia ai sindaci che diranno sì ai prefetti

Maroni: niente soldi dalla Regione a chi accoglie clandestini
Roberto Maroni

MILANO — E’ destinato a far discutere l’ultimo annuncio del presidente della Regione Lombardia: riduzione dei trasferimenti regionali ai sindaci lombardi che dovessero accogliere nuovi migranti.

“È un fatto gravissimo, io domani scrivo una lettera ai prefetti lombardi diffidandoli dal portare in Lombardia nuovi clandestini, poi anche ai sindaci dicendo loro di rifiutarsi di prenderli e ai sindaci che dovessero accoglierli gli ridurremo i trasferimenti regionali come disincentivo alla gestione delle risorse”.

“Non devono farlo, poi chi lo fa violando la legge, violando le disposizioni che io ho dato, subirà questa conseguenza”, ha aggiunto Maroni.

Il governatore lombardo ha poi detto di voler “incontrare Zaia e Toti nei prossimi giorni per prendere iniziative comuni”

Sul suo profilo Twitter, Maroni ha postato la proposta di ridurre i trasferimenti regionali ai Comuni che accolgono nuovi immigrati, consultando i cittadini e chiedendo la loro opinione.

Tre le domande poste dal governatore agli utenti del social network: “I sindaci lombardi devono rifiutarsi di accogliere gli immigrati clandestini mandati da Roma. Siete d’accordo?”, “Domani invio lettera ai Prefetti lombardi diffidandoli dal mandare immigrati clandestini in giro per la Lombardia. Siete d’accordo?” e infine “I sindaci lombardi devono rifiutarsi di accogliere clandestini mandati da Roma. Se li prendono taglio contributi regionali. Siete d’accordo?”.

Addio a Enzo De Canio, uomo di garbo e passione

Carlo Scotti FoglieniCi ha lasciato ieri Enzo De Canio. Lo ha fatto in maniera garbata e silenziosa. ...

Calderoli plaude Maroni: i clandestini vanno respinti

Roberto CalderoliBERGAMO -- "Bravo Maroni e i governatori del Nord che difendono la nostra sicurezza, le ...