iscrizionenewslettergif
Economia

Pa: il ritardo nei pagamenti è costato 6 miliardi alle aziende

Di Redazione28 Maggio 2015 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Lo sostiene una ricerca del Centro studi Impresalavoro. La Pubblica amministrazione ha debito per 70 miliardi

Pa: il ritardo nei pagamenti è costato 6 miliardi alle aziende
Soldi

BERGAMO — Il cronico ritardo nei pagamenti della Pubblica amministrazione è costato tanto, tantissimo alle imprese che con la Pa lavorano.

Secondo le stime presentate ieri da Bankitalia nella “Relazione Annuale 2014”, il debito commerciale della nostra Pubblica amministrazione nei confronti dei fornitori privati ammontava lo scorso 31 dicembre a circa 70 miliardi di euro.

Un’informazione preziosa, dal momento che dallo scorso 30 gennaio la “Piattaforma per la certificazione dei crediti” del ministero dell’Economia e delle finanze non ha più aggiornato il monitoraggio del pagamento dei debiti maturati dalla PA al 31 dicembre 2013. All’epoca il governo sosteneva di aver pagato 36,5 miliardi su un totale di 74,2 miliardi di euro: poco meno della metà del dovuto.

Il dato fornito adesso da Bankitalia non fa che confermare quanto denunciato a febbraio dal Centro studi Impresalavoro: i debiti commerciali si rigenerano con frequenza, dal momento che beni e servizi vengono forniti di continuo. Pertanto liquidare (e solo in parte) i debiti pregressi di per sé non riduce affatto lo stock complessivo: questo può avvenire soltanto nel caso in cui i nuovi debiti creatisi nel frattempo risultino inferiori a quelli oggetto di liquidazione.

“Ne consegue altresì che il ritardo del Governo nel pagamento di questi debiti sia costato nel 2014 alle imprese italiane la cifra di 6,1 miliardi di euro. Questa stima è stata effettuata prendendo come riferimento l’ammontare complessivo dei debiti della nostra PA (così come certificato da Bankitalia), l’andamento della spesa pubblica per l’acquisto di beni e servizi (così come certificato da Eurostat) e il costo medio del capitale che le imprese hanno dovuto sostenere per far fronte al relativo fabbisogno finanziario generato dai mancati pagamenti. Elaborando i dati trimestrali di Bankitalia, stimiamo pertanto che questo costo sia stato nel 2014 pari all’8,97% su base annua (in leggero calo rispetto al 9,10% nel 2013)” conclude il Centro studi Impresalavoro.

Case: nuova pittura fa risparmiare il 30 per cento d’energia

Il SurfapaintBERGAMO -- Una pittura isolante che fa risparmiare il 30 per cento nell'efficenza energetica degli ...

Confindustria Bergamo: venerdì 5 l’assemblea generale

Confindustria BergamoBERGAMO -- E' stata convocata per venerdì 5 giugno a partire dalle 14:30, alla Fiera ...