iscrizionenewslettergif
Politica

Nembro: consiglio comunale straordinario per “Thor”

Di Redazione9 Febbraio 2015 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Nembro: consiglio comunale straordinario per “Thor”
Telecamere di videosorveglianza

NEMBRO — Il Comune di Nembro ha chiesto un consiglio comunale straordinario per decidere su “Thor”. Niente paura, non si tratta di sistemi missilistici o divinità scandinave, ma solo del sistema di videosorveglianza della Comunità montana della Valseriana.

L’amministrazione comunale ha fissato la data per il 12 febbraio prossimo per approvare la realizzazione del progetto. Dopo cinque anni di discussioni, il presidente della Comunità montana Alberto Bigoni ha dato disco verde al progetto, demandando ai Comuni membri l’ultima parola.

“Thor” prevede l’installazione di una quarantina di telecamere, per innalzare il livello di sicurezza e controllo su tutto il territorio compreso tra Valbondione e Ranica. Gli impianti verranno montati sul perimetro esterno del comprensorio, in corrispondenza dei principali varchi d’ingresso e uscita, oltre che in alcuni punti strategici interni, con il compito di monitorare costantemente il transito di veicoli rubati o, in generale, d’interesse per l’autorità giudiziaria. Inoltre, grazie al sistema si potranno fare analisi statistiche sul traffico, utili anche per interventi migliorativi sulla viabilità locale.

Giovedì sera il consiglio straordinario di Nembro, oltre a sdoganare i tabù tra privacy e sicurezza, che quasi sempre insorgono nei dibattiti di questo tipo, sarà in primis costretto a fare i conti con la sostenibilità economica dell’intervento.

La Comunità montana ha stanziato circa 435mila euro necessari alla messa in opera del progetto (commissionato all’ing. Livio Fratus di Trescore Balneario per 15.500 euro) e alla sua manutenzione fino al prossimo 2016. Ma di lì in avanti i costi di gestione, stimati in 85.000 euro annui totali, saranno ripartiti tra i Comuni, in funzione del numero dei rispettivi abitanti.

Il via libera al progetto avverrà solo con l’adesione di tutti i Comuni del comprensorio. In caso di un solo parere contrario, gli stanziamenti del progetto “Thor” saranno dirottati alla prevenzione del dissesto idrogeologico, andando a sommarsi ai 980.000 euro già stanziati dalla Comunità montana Valseriana a fine 2014.

I furbetti del giornalino

Pollice versoE' davvero curioso il modo di fare politica delle nuove generazioni dei partiti bergamaschi. Orfani ...

FI Bergamo, chi sarà il successore di Sorte? Vota il sondaggio

Marco Pagnoncelli e Alessandro SorteBERGAMO -- Per dirla papale papale, nessuno vuole restare con il cerino in mano. Sta ...