iscrizionenewslettergif
Provincia

Yara, i legali di Bossetti pensano alla scarcerazione

Di Redazione27 Giugno 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Intanto spunta una misteriosa telefonata da Chignolo il giorno del ritrovamento di Yara

Yara, i legali di Bossetti pensano alla scarcerazione
Massimo Giuseppe Bossetti

BERGAMO — Gli avvocati di Massimo Giuseppe Bossetti, presunto assassino di Yara Gambirasio e rinchiuso nel carcere di via Gleno a Bergamo, stanno valutando di presentare richiesta di scarcerazione per il loro assistito.

Intanto dalle carte in mano agli inquirenti risulta che Bossetti fece una telefonata alla madre Ester Arzuffi da Chignolo d’Isola il giorno del ritrovamento di Yara Gambirasio. Era il 26 febbraio 2011. Che ci faceva il muratore di Mapello in quel luogo, quel giorno? E’ quello che stanno cercando di capire gli inquirenti che ne hanno chiesto conto sia alla madre sia alla moglie del presunto assassino.

Potrebbe trattarsi di una coincidenza. Ma certamente l’episodio va verificato ai fini dell’indagine.

Intanto ieri Bossetti ha ricevuto la visita in carcere della moglie Marita Comi. La donna non vedeva il marito dal 16 giugno, quando è stato fermato, e continua a difenderlo.

Così come i legali di Bossetti, Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni che, dopo l’incontro, hanno ribadito di essere convinti di avere “elementi” che possono dimostrare l’estraneità del loro assistito all’omicidio di Yara.

Furti, raffica di controlli dei carabinieri: 2 arrestati

I carabinieri in azioneBERGAMO -- Raffica di controlli ieri sera da parte dei carabinieri in diversi comuni della ...

Yara, novità dall’indagine su Bossetti

Il ritrovamento di Yara GambirasioBERGAMO -- "Decideremo lunedì mattina all'ultimo minuto in tribunale a Bergamo se depositare una istanza ...