iscrizionenewslettergif
Poesie

“Le stagioni umane” di John Keats

Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
“Le stagioni umane” di John Keats

Quattro stagioni fanno intero l’anno,
quattro stagioni ha l’animo dell’uomo.
Egli ha la sua robusta Primavera
quando coglie l’ingenua fantasia
ad aprire di mano ogni bellezza;
ha la sua Estate quando ruminare
il boccone di miel primaverile
del giovine pensiero ama perduto
di voluttà, e così fantasticando,
quanto gli è dato approssimarsi al cielo;
e calmi ormeggi in rada ha nel suo Autunno
quando ripiega strettamente le ali
pago di star così a contemplare
oziando le nebbie, di lasciare
le cose belle inavvertite lungi
passare come sulla siglia un rivo.
Anche ha il suo Inverno di sfiguramento
pallido, sennò forza gli sarebbe
rinunciare alla sua mortal natura.

“Se io potrò impedire” di Emily Dickinson

PoesiaSe io potrò impedire a un cuore di spezzarsi non avrò vissuto invano Se allevierò il dolore di ...

“Dove la luce” di Giuseppe Ungaretti

Dove la luce di GIuseppe UngarettiCome allodola ondosa nel vento lieto sui giovani prati, le braccia ti sanno leggera, vieni. ...