iscrizionenewslettergif
Politica

Mantovani: Lombardia diventi regione autonoma

Di Redazione25 marzo 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Mantovani: Lombardia diventi regione autonoma
Mario Mantovani

BERGAMO — “Noi non siamo indipendentisti come qualche Regione vicina però sull’autonomia possiamo anche ragionarci visto che abbiamo delle Regioni autonome: perché non considerare anche Regione Lombardia una Regione che merita la sua autonomia? In modo tale che le tasse restino un
pochino anche da noi e ci consentano anche di intervenire per far funzionare al meglio i nostri ospedali, i nostri servizi sanitari e questi per la nostra gente. Lo dico sul piano politico e perché ci credo”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione Mario Mantovani intervenuto oggi a Bergamo per un convegno.

“Le regole di sistema: verso la riforma sanitaria lombarda” è stato il tema del simposio che si è tenuto alla Fiera di Bergamo, al quale ha partecipato anche l’assessore regionale alla Famiglia Maria Cristina Cantù.

Sul piano sanitario locale Mantovani ha comunicato una serie di dati significativi e che indicano l’importante ruolo che la sanità bergamasca ricopre in Lombardia. “Nel 2012 – ha fatto sapere – nei vostri ospedali abbiamo avuto 133.247 ricoveri e l’84 per cento dei ricoveri è stato erogato presso le strutture sanitarie con sede nella provincia”.

“Vuol dire – ha affermato con soddisfazione l’assessore – che i bergamaschi si fidano degli ospedali della loro provincia”. Poi Mario Mantovani ha aggiunto: “Abbiano un numero di assistiti per patologie croniche che in provincia di Bergamo è di 489.400 cittadini. E’ un numero che fa riflettere: siamo al 44 per cento della popolazione generale, che naturalmente occupa il 77 dei costi rivolti al vostro territorio”.

Quindi è entrato nel vivo di uno dei pilastri della nuova riforma sanitaria: la cronicità: “Occorrono ospedali – ha sottolineato – dove possono andare a lavorare anche i medici di medicina generale, per poter prender in carico anche i loro stessi pazienti. La cronicità allora non è più una prestazione, ma diventa una presa in carico. Prendersi in carico vuol dire prendersi cura”.
“E’ quindi evidente – ha chiarito l’assessore riferendosi ai numeri dei pazienti bergamaschi affetti da cronicità – che anche in questo territorio è necessaria una diversa e più efficace organizzazione dell’offerta per gestire la cronicità. Interventi che passano attraverso le prestazioni specialistiche ambulatoriali che hanno visto un incremento sia del volume sia della spesa e che incidono non poco sul totale della spesa sanitaria per tutti i residenti della provincia di Bergamo”.

Mantovani ha quindi concluso il msuo discorso ricordando gli interventi strutturali, per i quali nel 2013 Regione Lombardia ha stanziato per la provincia di Bergamo quasi 27 milioni e mezzo di euro, a cui aggiungere 158 nuove assunzioni.

Tangenti per la discarica: Formigoni rinviato a giudizio

Roberto FormigoniMILANO -- La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per l'ex governatore della ...

Berlusconi: il momento è grave

Silvio BerlusconiROMA -- "Mi auguro che tutti all'interno movimento politico ben comprendano la gravità del momento, ...