iscrizionenewslettergif
Bergamo

Identikit del risparmiatore bergamasco

Di Redazione7 marzo 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Lo ha tracciato Unicredit basandosi su una ricerca durata 8 anni

Identikit del risparmiatore bergamasco
Soldi

BERGAMO — “Ha propensione al risparmio inferiore alla media nazionale, anche se costantemente in aumento”. E’ questo l’indentikit del risparmiatore bergamasco e lombardo tracciato dall’Osservatorio del risparmio di Unicredit e Pioneer Investments.

Secondo la ricerca, “il calo dei loro consumi è ancora sentito, ma la spesa pro-capite del risparmiatore si mantiene comunque dei buoni livelli; cresce costantemente anche la ricchezza pro-capite (in valori assoluti risulta superiore di 36mila euro alla media nazionale), che viene investita in modo dinamico”.

Lo studio, basandosi sui dati raccolti dal 1995 al 2013, fotografa la situazione del risparmio delle famiglie in Lombardia, soffermandosi sulle tematiche complementari dei consumi e della ricchezza finanziaria.

“Anche i risparmiatori bergamaschi si confermano in linea con il profilo tracciato per le famiglie della Regione – ha affermato Luca Marcaletti, direttore area commerciale Bergamo di Unicredit – e, inversamente da quanto riportato da questo stesso rapporto l’anno scorso, l’orientamento dei risparmi delle famiglie nel 2013 si è mostrato più dinamico”.

“Il risparmiatore bergamasco pur mantenendo nel proprio portafoglio una buona quota di bond, fondi d’investimento, gestioni patrimoniali e polizze assicurative, ha incrementato la propria esposizione verso titoli a rischio più elevato quali le azioni” continua l’esperto.

“Nello specifico, da dati UniCredit, risulta che rispetto al 2012 cresce del 18 per cento la quota di titoli di Stato detenuta dai risparmiatori bergamaschi, allo stesso modo è misurabile in un +26 per cento anche l’incremento degli investimenti azionari. Globalmente, sempre da dati Unicredit, risulta che la quota di risparmi investiti da parte dei bergamaschi cresce di circa un +5 per cento a/a”.

“Dal nostro osservatorio emerge dunque come, per la famiglie di Bergamo, questa tendenza sia più marcata rispetto al dato nazionale, sintomo di un territorio in cui aumenta la fiducia nel futuro e che in termini di rendimento ragiona su orizzonti temporali un po’ più allungati rispetto agli anni passati”, conclude Marcaletti.

Bergamo, pedone investito da un bus in via Suardi

L'ambulanzaBERGAMO -- Incidente stradale questa mattina intorno alle 7 in via Suardi. Un uomo di ...

Cai: marchio di qualità per i sentieri

Il Cai pensa a un marchio di qualità per i sentieriBERGAMO -- Il completamento della rete escursionistica italiana, un marchio di qualità per i sentieri ...