iscrizionenewslettergif
Bergamo

Bergamo, prezzi al consumo stabili

Di Redazione28 febbraio 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bergamo, prezzi al consumo stabili
Senza parole

BERGAMO — Prezzi al consumo ancora stabili a Bergamo nel mese di febbraio. L’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) non registra alcuna variazione rispetto al mese precedente.

Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), si attesta a +0,3%, in diminuzione rispetto allo + 0,4% registrato il mese scorso.

Le variazioni, in aumento, più marcate si registrano, in questo mese, nelle divisioni di spesa: “Bevande alcoliche e tabacchi”, dove ad incidere sono gli aumenti di grappa e birre nazionali; “Mobili, articoli e servizi per la casa”, con rincari per i servizi domestici controbilanciati dai costi per ferri da stiro, lavastoviglie e lavatrici-asciugatrici; “Altri beni e servizi”, con aumenti per i prodotti di gioielleria. In forte calo la divisione di spesa “Comunicazioni”, con ribassi per i servizi di telefonia mobile e i relativi apparecchi, controbilanciati dagli aumenti per la telefonia fissa.

Segue la divisione “Trasporti” dove ad incidere sono i ribassi per voli nazionali ed internazionali, trasporto marittimo, biciclette, gasolio e benzina per i mezzi di trasporto. In controtendenza troviamo le riparazioni per i mezzi di trasporto privati.

Invariate nel complesso le divisioni: “Prodotti alimentari e bevande analcoliche” “Abbigliamento e calzature” e “Istruzione”, “Abitazione, acqua, energia elettrica, gas e altri combustibili”, “Servizi sanitari e spese per la salute” “Ricreazione, spettacoli e cultura”, “Istruzione”, “Servizi ricettivi e di ristorazione”

Tifo violento: il “Bocia” in aula

Il tribunale di BergamoBERGAMO -- Sarà il giudice Patrizia Ingrascì a decidere questa mattina l'eventuale rinvio a giudizio ...

Processo tifo violento: niente associazione a delinquere

Claudio "Bocia" GalimbertiBERGAMO -- Il fatto non sussiste. Con questa formula il giudice Patrizia Ingrascì ha spazzato ...