iscrizionenewslettergif
Esteri

El Chapo: il boss ammette tremila omicidi

Di Redazione26 febbraio 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
El Chapo: il boss ammette tremila omicidi
La cattura di El Chapo Guzman

CITTA’ DEL MESSICO — Dopo la sua cattura ha ammesso di aver commissionato circa tremila omicidi. E’ sconvolgente la confessione del boss della droga Joaquin “El Chapo” Guzman, arrestato sabato scorso in Messico mentre, secondo alcune fonti, si trovava con la moglie, l’ex miss Emma Coronel e le figlie.

Il boss ha ammesso di aver ucciso tra le duemila e le tremila persone. Lo afferma Televisa, sulla base di quanto riferito dagli uomini della forza della sicurezza che dopo la cattura hanno portato il capo del cartello di Sinaloa da Mazaplan, dove è stato arrestato, a Città del Messico.

Gli agenti hanno ricordato che il boss arrestato ha avuto un comportamento “tranquillo e rispettoso”.

Secondo alcuni media la moglie Emma Coronel, 24 anni, non è stata arrestata per mancanza di prove. Il capo del cartello di Sinoloa e la Coronel si sono conosciuti otto anni fa, precisano i media locali, ricordando che la donna è a sua volta figlia di una nota coppia vincolata a sua volta in passato alla produzione e distribuzione di droga.

Guzman e Coronel hanno avuto figlie gemelle, afferma il quotidiano Excelsior, le quali al momento dell’arresto si trovavano con i genitori.

Messico: catturato “El Chapo”, re della droga

La cattura di El Chapo GuzmanCITTA' DEL MESSICO -- In un blitz fra agenti americani e messicani, è stato arrestato ...

India, caccia alla tigre che ha sbranato 10 persone

Una tigreNUOVA DELHI, India -- E' caccia aperta alla tigre che negli ultimi mesi ha assalito ...