iscrizionenewslettergif
Politica

Napolitano risponde: non ci fu complotto

Di Redazione11 febbraio 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Il presidente della Repubblica smentisce la ricostruzione del giornalista Alan Friedman

Napolitano risponde: non ci fu complotto
Giorgio Napolitano

ROMA — Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in una lettera al Corriere, bolla come “fumo” le rivelazioni riguardo all’estate 2011, negando che sia stato un “complotto” come accusa Forza Italia.

“Nessuna difficoltà – scrive il capo dello Stato – a ricordare di aver ricevuto nel mio studio il professor Monti più volte nel corso del 2011 e non solo in estate, conoscendolo da molti anni (già prima che nell’autunno 1994 egli fosse nominato Commissario europeo su designazione del governo Berlusconi) e apprezzando in particolare il suo impegno europeistico che seguii da vicino quando fui deputato al Parlamento di Strasburgo”.

“Nel corso del così difficile – per l’Italia e per l’Europa – anno 2011, Monti era inoltre un prezioso punto di riferimento per le sue analisi e i suoi commenti di politica economico-finanziaria sulle colonne del Corriere della Sera”, spiega ancora Napolitano sottolineando che Monti “appariva allora, e di certo non solo a me, una risorsa da tener presente e, se necessario, da acquisire al governo del Paese”.

In serata il presidente della Repubblica ha poi ricevuto il segretario nazionale del Pd Matteo Renzi. Il colloquio al Quirinale è durato un paio d’ore. Sul tavolo l’agenda di governo e un possibile rimpasto da mettere in atto nelle prossime settimane.

Napolitano contattò Monti nell’estate 2011

Giorgio Napolitano e Silvio BerlusconiROMA -- Bufera politica dopo le rivelazioni del giornalista Alan Friedman sul ruolo giocato dal ...

Formigoni: vogliono Prodi al posto di Napolitano

Roberto FormigoniROMA -- "E' in corso un'operazione politica per indebolire Napolitano e preparare la sua successione ...