iscrizionenewslettergif
Politica

Formigoni: vogliono Prodi al posto di Napolitano

Di Redazione11 febbraio 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Il senatore dell'Ncd spiega così la mossa del Corriere della Sera e degli americani per sostituire il presidente della Repubblica con l'ex premier

Formigoni: vogliono Prodi al posto di Napolitano
Roberto Formigoni

ROMA — “E’ in corso un’operazione politica per indebolire Napolitano e preparare la sua successione con Prodi”. E’ la lettura di quanto sta avvenendo a Roma da parte di Roberto Formigoni, senatore di Ncd.

Commentando gli attacchi di Forza Italia al Colle, l’ex governatore della Lombardia in un’intervista a Intelligonews osserva: “Forza Italia sta dimostrando una cecità assoluta perché dovrebbe chiedersi con un minimo di intelligenza politica come mai questa cosa viene fuori solo adesso; come mai c’è questa improvvisa mossa del Corriere della Sera e di Rcs schierati contro Napolitano usando un uomo degli Usa in Italia da anni come Friedman, oltretutto con testimonianze, interviste pesantissime di De Benedetti e Prodi”.

Secondo Formigoni “si tratta di un’operazione politica, non giornalistica, che ha l’evidente scopo di dare l’assalto al Quirinale, indebolire Napolitano e preparare la successione a Prodi. Forza Italia apra gli occhi: con la posizione che hanno assunto stanno agevolando la successione di Prodi a Napolitano”.

“Gridare al complotto è pura fantapolitica – prosegue Formigoni -. Napolitano si è mosso bene di fronte a una crisi conclamata del mio partito, il Pdl, che nel 2010 aveva subìto la durissima e dolorosissima scissione di Fini e di tanti deputati con una maggioranza sempre a rischio, con dissidi perenni ed esplosivi con il super-ministro dell’Economia Tremonti. E’ più che giusto che il presidente della Repubblica, in maniera discreta, si sia premurato di sondare, eventualmente, scenari diversi. D’altra parte domando: qualcuno gli contesta atti scorretti? Ha forse forzato il governo alle dimissioni? No”.

Sui contatti tra Napolitano e Renzi l’esponente Ncd spiega: “Napolitano sta sondando le intenzioni di Renzi che è il più accreditato successore di Letta da un mese. Allora con la stessa logica, si dovrebbe accusare il capo dello Stato di complottare per far cadere Letta”.

Napolitano risponde: non ci fu complotto

Giorgio NapolitanoROMA -- Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in una lettera al Corriere, bolla come ...

Governo: Letta o Renzi? Palla al Pd

Enrico Letta e Giorgio NapolitanoROMA -- Sono ore di fibrillazione sul Governo Letta. Dopo l'incontro fra Renzi e Napolitano, ...