iscrizionenewslettergif
Bergamo

Inail: assicurazione per le casalinghe

Di Redazione29 gennaio 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Inail: assicurazione per le casalinghe
Assicurazione Inail per le casalinghe

BERGAMO — Scade il 31 gennaio il pagamento del premio per garantirsi la tutela contro gli infortuni domestici gravi. Lo rende noto l’Inal, sottolineando che si tratta di “obbligo di legge per chi lavora in casa a tempo pieno”.  

L’assicurazione contro gli infortuni domestici, da sempre focalizzata sul riconoscimento del valore sociale del lavoro domestico e sull’importanza di non sottovalutare i rischi a volte trascurati in casa, è obbligatoria per le persone che hanno un’età compresa tra i 18 e i 65 anni, che si occupano esclusivamente della cura della casa, a tempo pieno, gratuitamente e senza alcun rapporto di subordinazione.

Il premio annuale pari a 12,91 euro è deducibile ai fini fiscali e si possono utilizzare diversi strumenti e  modalità di pagamento:
bollettino postale intestato a Inail, assicurazione infortuni domestici, disponibile presso gli Uffici postali, le sedi Inail e le Associazioni di categoria;
on-line, sul portale www.inail.it con carta di credito Visa o Mastercard;
carta prepagata Postepay o conto Bancoposta;
servizio di c/c on line (home banking)
bonifico bancario, postagiro, giroconto bancario.

Sono molte le persone che hanno diritto all’esonero dal pagamento, pur ricevendo la copertura assicurativa, se si ha un reddito personale (cioè considerando solo quello del richiedente) inferiore a 4.648,11 euro annui o un reddito familiare complessivo di massimo € 9.296,22 euro annui.

Per questi soggetti con reddito basso, è lo Stato a corrispondere il premio assicurativo. È possibile farne richiesta presentando all’Inail un’autocertificazione sul possesso dei richiesti.

Quali rischi copre la polizza? L’assicurato che subisce un infortunio domestico da cui deriva un’invalidità permanente di almeno il 27 per cento ha diritto ad una rendita vitalizia. Se invece ne deriva la morte, l’Inail corrisponderà agli eredi il danno biologico (risarcimento riconosciuto dall’anno 2006).

A quanto ammonta la rendita vitalizia? È riconosciuto un assegno di € 166,79 al mese in caso di invalidità del 27 per cento, fino ad una rendita di 1.158,33 euro al mese in caso di invalidità del 100 per cento. In caso di incidente domestico viene corrisposto anche un assegno per il funerale di euro 1.725, oltre al danno da liquidare agli eredi.

Attenzione, se l’incidente avviene durante il tragitto da casa al raggiungimento del “luogo” per svolgere determinate commissioni o per fare la spesa, non si è coperti dalla polizza assicurativa.

Druso: “Management del dolor post operatorio” in concerto

Management del Dolore Post OperatorioBERGAMO -- Continua la rassegna "Indie Druso" al Druso di Bergamo che ogni venerdì sera ...

Amministratori condominali: lezione di comunicazione

BergamoBERGAMO -- "L’amministratore e i principi della comunicazione": questo il tema della tredicesima lezione del ...