iscrizionenewslettergif
Politica

Stucchi: progetto Renzi-Berlusconi antidemocratico

Di Redazione24 gennaio 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Soglie di sbarramento troppo alte per i singoli partiti, liste bloccate e vantaggi ai più forti

Stucchi: progetto Renzi-Berlusconi antidemocratico
Giacomo Stucchi, senatore della Lega e presidente del Copasir

BERGAMO — “In un sistema democratico la legge elettorale è quell’insieme di regole con le quali si mira a dare la più ampia rappresentanza parlamentare possibile ai cittadini che vivono su un territorio. Il progetto alla base dell’accordo Renzi-Berlusconi va invece nella direzione opposta, mirando cioè a limitare l’ingresso in Parlamento a pochissime forze politiche”. Lo ha scritto in una nota diffusa alla stampa il senatore bergamasco della Lega Nord Giacomo Stucchi.

“Le soglie di sbarramento (troppo bassa quella di coalizione e troppo alta quella per i singoli partiti) e l’aggravante della possibilità di uno spareggio tra i due partiti più forti, per far sì che alla fine uno solo (a prescindere dal numero dei voti che ottiene) conquisti il numero di seggi necessari a governare, sono tecnicismi che fanno a pugni con il concetto stesso di democrazia parlamentare” aggiunge Stucchi.

“Tanto più, se dovessero restare le liste bloccate”, conclude il senatore bergamasco.

Pia Locatelli: legge elettorale penalizza le donne

Pia LocatelliROMA -- “Un conto è dichiarare che la nuova legge elettorale va verso la democrazia ...

Grillo attacca: legge elettorale fatta per fermarci

Beppe GrilloROMA -- "Noi abbiamo preso il 25 per cento poi c'è stato questo 'colpettino di ...