iscrizionenewslettergif
Politica

Pia Locatelli: legge elettorale penalizza le donne

Di Redazione24 gennaio 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Pia Locatelli: legge elettorale penalizza le donne
Pia Locatelli

ROMA — “Un conto è dichiarare che la nuova legge elettorale va verso la democrazia paritaria, che significa il 50 per cento di donne elette, e un conto è assumere iniziative coerenti perché questo accada. Il testo proposto dal relatore alla Camera, prevedendo nelle liste bloccate un’alternanza di non più di due nominativi dello stesso genere, rischia di portare nel nuovo parlamento meno donne di quelle che ci sono attualmente”. Lo afferma la deputata bergamasca del Psi Pia Locatelli, presidente onoraria dell’Internazionale socialista donne.

“Con la nuova legge si potrebbero avere liste con due nominativi maschili e uno femminile in alternanza, con il risultato che, nella migliore delle ipotesi, si eleggerebbe il 30 per cento di donne, nella peggiore nessuna”, spiega Locatelli.

“Se si vuole veramente una democrazia paritaria è necessario introdurre l’obbligo di alternanza di genere tra singole candidature e prevedere che i capilista siano al 50 per cento donne. Un’ulteriore raccomandazione da rivolgere ai partiti è che tengano conto che alcuni collegi e circoscrizioni sono più vincenti di altri e quindi ci sia in questi un’alternanza delle candidate e dei candidati in modo da non svantaggiare nessuno. Solo così si consentirà la piena partecipazione delle donne alla vita delle istituzioni, il resto è solo propaganda”, conclude la deputata socialista.

Aggressioni sui treni: interrogazione della Lega

Giacomo StucchiBERGAMO -- In seguito alle aggressioni avvenute nell'ultimo periodo a bordo di convogli ferroviari sulla ...

Stucchi: progetto Renzi-Berlusconi antidemocratico

Giacomo Stucchi, presidente del CopasirBERGAMO -- "In un sistema democratico la legge elettorale è quell’insieme di regole con le ...