iscrizionenewslettergif
Bergamo

Agenti immobiliari: rivolta contro Enasarco

Di Redazione21 gennaio 2014 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Agenti immobiliari: rivolta contro Enasarco
Giuliano Olivati

BERGAMO — “Fiaip Lombardia, avuta notizia del comunicato apparso sul sito di Anama (una delle tre organizzazioni sindacali di agenti immobiliari) sul tema Enasarco nelle agenzie immobiliari, in merito ad una fantomatica attività da “agente di commercio” come collaborazione prestata a favore dell’agente immobiliare professionale, esprime tutto il proprio disappunto verso una simile interpretazione normativa che non può essere minimamente condivisa”. E’ quanto si legge in un comunicato di Giuliano Olivati, presidente di Fiaip Bergamo.

Nella nota “si sottolinea come l’attività di agente immobiliare sia regolamentata dalla legge n. 39/89 che prevede determinati e ben precisi requisiti per poterla esercitare. In base all’art. 3 c.1 “l’iscrizione nel ruolo [oggi sostituita dalla Scia, con requisiti inalterati] abilita all’esercizio dell’attività di mediazione su tutto il territorio della Repubblica, nonché a svolgere ogni attività complementare o necessaria per la conclusione dell’affare”.

“Non esistono quindi attività complementari alla mediazione esenti dall’abilitazione come agente immobiliare – sostiene Olivati -, e chiunque partecipi a qualsiasi titolo a queste attività (ricerca clienti, ricerca immobili, ecc.) deve necessariamente essere in possesso della prescritta abilitazione ai sensi di legge, trattandosi di attività specifiche rientranti nella sfera della mediazione tipica”.

“Gli unici soggetti che possono prendere parte al lavoro di una agenzia immobiliare senza avere la citata abilitazione per svolgere l’attività di agente immobiliare sono quelli impiegati in lavori di segreteria (predisposizione mezzi promozionali, organizzazione appuntamenti, dattilografia, ecc.), amministrativi (contabilità, fatture, adempimenti fiscali ecc.) o tecnici (visure, tavole grafiche, rilievi, progetti, ecc.)” precisa ancora.

“Cercare di creare una parvenza di legittimazione a soggetti che non hanno alcun titolo per esercitare la professione di agente immobiliare significa agire in spregio alla trasparenza del mercato. Fiaip da anni sta operando con impegno e determinazione, al contrario, per favorirla sia sul fronte degli operatori del settore, ma anche sul fronte delle quotazioni dei valori immobiliari”.

“Enasarco a sua volta ha pubblicato sul proprio sito un comunicato dal medesimo tenore che analogamente per le medesime ragioni di cui sopra non può essere condiviso. Non si capisce davvero come l’attività di mera raccolta di informazioni di mercato relative agli immobili in vendita possa far rientrare chi la esercita in uno dei “soggetti che promuovono la conclusione di contratti per conto di un preponente”, presupposto dell’iscrizione ad Enasarco”.

“Tale attività di raccolta banca dati – continua Olivati – è svolta ormai da anni anche da service telematici, e non si vede perché debba essere pagata a provvigione (stuzzicando gli appetiti previdenziali di Enasarco) e non in base al numero di notizie raccolte o ad un fisso mensile. La realtà, se non vogliamo nasconderci dietro un dito, è ben altra e ben nota: spesso e volentieri il collaboratore di agenzia immobiliare pagato a provvigione non fa solo un lavoro di banca dati, ma raccoglie incarichi di vendita o locazione dai proprietari. Ma allora delle due l’una: o questo collaboratore è un agente immobiliare abilitato, e allora non deve essere iscritto ad Enasarco in quanto non è agente di commercio ma mediatore; oppure, se non è abilitato, questo raccoglitore di incarichi è semplicemente un mediatore abusivo, che si cerca in qualche modo di regolarizzare iscrivendolo ad Enasarco”.

“Se da un lato la posizione di Enasarco è comprensibile considerato che nella sua qualità di ente previdenziale mira a fare cassa (anche per risanare bilanci non troppo rosei), dall’altro la posizione di ANAMA risulta invece incomprensibile ed ingiustificabile visto che un sindacato di categoria di agenti immobiliari, con tale presa di posizione, non fa certo gli interessi della categoria, ma agevola il proliferare dell’abusivismo, che è purtroppo una delle piaghe del mercato dell’intermediazione immobiliare. E per fare questo, Anama è pronta a far pagare alle agenzie e ai loro collaboratori un conto salato, come si evince da questa proiezione”, conclude il presidente di Fiaip.

Secco Suardo: convegno sull’educazione alimentare

Convegno sull'educazione alimentare al Secco SuardoBERGAMO -- L'Associazione genitori del liceo Secco Suardo, organizza per martedì 21 gennaio 2014, una ...

Insieme per Ubi: superare il “localismo”

Ubi BancaBERGAMO -- "Insieme per Ubi apprezza le modifiche statutarie approvate dal consiglio di sorveglianza di ...