iscrizionenewslettergif
Esteri

Corea: il dittatore fa giustiziare lo zio “traditore”

Di Redazione13 dicembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Corea: il dittatore fa giustiziare lo zio “traditore”
Il giovane dittatore Kim Jong-un con lo zio

PYONGYANG, Corea del Nord — Il dittatore nordcoreano Kim Jong-un ha fatto giustiziare suo zio Jang Song-Thaek, ex numero due del regime, dopo che l’uomo era stato condannato a morte da un tribunale militare speciale. Lo ha annunciato l’agenzia di stampa ufficiale di Pyongyang Kcna, confermando le voci trapelate e definendo Jang un “traditore”.

La Corea del Nord il 9 dicembre aveva reso noto il licenziamento di Jang, con l’accusa di aver commesso “atti criminali” e di aver guidato una “fazione controrivoluzionaria”.

Insieme a Jang, 67 anni, marito della sorella di Kim Jong-il (padre di Kim Jong-un), sono stati messi a morte due suoi collaboratori.

Il gerarca giustiziato era vicepresidente della Commissione di difesa nazionale, l’organo più importante del paese, ed era considerato eminenza grigia del regime e il mentore del nipote.

La purga permetterà al giovane dittatore, 30 anni, salito al potere nel dicembre 2011 alla morte di Kim Jong-il, di rafforzare la sua posizione.

La Kcnaha spiegato che Jang si era reso colpevole di un “crimine così orrendo come quello di aver tentato di rovesciare lo Stato con ogni sorta di intrighi e di metodi spregevoli, con l’ambizione frenetica di impadronirsi del potere supremo del nostro partito e del nostro Stato”.

Siria: armi chimiche usate almeno 5 volte

Armi chimiche in SiriaGINEVRA, Svizzera -- Durante il conflitto siriano, le armi chimiche sarebbero state utilizzate almeno in ...

Sonda cinese si posa sulla Luna

L'allunaggio della sonda cinese secondo quanto diffuso da Pechino (resta da capire come è stata scattata la foto)PECHINO, Cina -- La Cina è il terzo paese del mondo, dopo Stati Uniti ...