iscrizionenewslettergif
Politica

Berlusconi: scissione avvenuta, nasce Forza Italia

Di Redazione16 novembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Alfano e i governativi non si presentano al consiglio nazionale. Il Pdl verrà usato come contenitore

Berlusconi: scissione avvenuta, nasce Forza Italia
Silvio Berlusconi

ROMA — La scissione si è finalmente consumata. Dopo mesi di tira e molla, il gruppo di Alfano ha deciso di non partecipare al consiglio nazionale convocato da Silvio Berlusconi sancendo ufficialmente la fine del Pdl e dando il via libera alla nuova Forza Italia.

Il nome Pdl potrà essere usato per la coalizione di centrodestra. Ma da oggi in poi i seguaci di Berlusconi torneranno a chimarsi Forza Italia.

“Sono successe alcune cose che ci hanno spinto nella direzione di Forza Italia – ha spiegato Berlusconi dal palco -. Nel 2007 avevamo deciso di adottare il nome del Pdl perché si era tentato di mettere insieme tutte le formazioni politiche che costituivano il centrodestra. Nel tempo alcuni sono venuti a mancare e abbiamo ritenuto che non fosse più il caso di avere un nome nuovo e non il nome con cui eravamo partiti, anche perché eravamo rimasti ancora noi, quelli del ’94”.

“Altri hanno preso un’altra direzione, abbiamo bisogno di un rinforzo, ci mancano personalità di peso e faccio un nuovo appello a tutti coloro che sono protagonisti della cultura, delle università, imprese e aziende per dedicarsi a decidere il nostro comune destino”, ha aggiunto il Cavaliere.

“Sono felice che noi siamo ritornati a questo nome che abbiamo ancora tutti nel cuore: Forza Italia” ha spiegato Berlusconi alla platea del consiglio nazionale, che gli ha tributato un lungo applauso.

“Cos’è successo? Ci sono state delle differenze non su programmi e valori, ma delle distanze tra singole persone, si è creata un’atmosfera grigia si sono ricorse le agenzie dell’uno e dell’altro schieramento, si è formata una situazione che non rendeva, a loro giudizio, di poter continuare pacificamente in un lavoro comune, ho passato del tempo per evitare questo. Eravamo arrivati ad accordo, ma hanno chiesto ieri sera la convocazione dell’ufficio di presidenza”.

“Abbiamo opposto due ragionamenti – ha detto Berlusconi -, il primo che ci volevano 24 ore di anticipo per la presenza di tutti i componenti, per le modifiche da aggiungere non c’era bisogno di un passaggio all’ufficio di presidenza, ma farlo conoscere al consiglio nazionale.

Al termine del suo discorso il Cavaliere ha accusato un leggero malore dovuto a stanchezza. E’ subito stato assistito dal suo medico personale.

Berlusconi: via chi non si riconosce in Forza Italia

Silvio BerlusconiROMA -- E' alla fine è arrivato l'ultimatum. Dopo giorni di travaglio politico e interiore, ...

Capitale cultura, Belotti: come sempre escluso il Nord

Daniele Belotti, segretario provinciale della Lega NordBERGAMO -- "Tre città del centro e del Sud prescelte, mentre tutte le candidate del ...