iscrizionenewslettergif
Poesie

“Dove la luce” di Giuseppe Ungaretti

Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
“Dove la luce” di Giuseppe Ungaretti
Poesia

Come allodola ondosa
Nel vento lieto sui giovani prati,
Le braccia ti sanno leggera, vieni.
Ci scorderemo di quaggiù,
E del mare e del cielo,
E del mio sangue rapido alla guerra,
Di passi d’ombre memori
Entro rossori di mattine nuove.

Dove non muove foglia più la luce,
Sogni e crucci passati ad altre rive,
Dov’è posata sera,
Vieni ti porterò
Alle colline d’oro.

L’ora costante, liberi d’età,
Nel suo perduto nimbo
Sarà nostro lenzuolo

“Nel buio degli alberi” di Gianmario Villalta

PoesiaSi diceva che una festa era stare così, con le braccia vicine, tutto il mangiare nei ...

“Tema dell’addio” di Milo De Angelis

PoesiaMilano era asfalto, asfalto liquefatto. Nel deserto di un giardino avvenne la carezza, la penombra ...