iscrizionenewslettergif
Cultura

Presentate 15mila firme per il ripristino di Storia dell’arte

Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Presentate 15mila firme per il ripristino di Storia dell’arte
Presentate 15mila firme per il ripristino di Storia dell'arte

Sono state consegnate quest’oggi alla Camera dei Deputati le 15mila firme raccolte per il ripristino della Storia dell’arte nelle scuole superiori. Nei prossimi giorni verrò presentato un emendamento riguardante la proposta per il reintegro delle ore eliminate dalla riforma Gelmini.

A pochi giorni dal lancio della petizione, diffusa su molti e importanti media italiani e con una notevole crescita di consensi da parte di cittadini, insegnanti, studenti, giornalisti, uomini e donne del mondo dell’arte e della cultura 15mila italiani hanno firmato la petizione su firmiamo.it.

Gli insegnanti di Storia dell’arte, promotori dell’iniziativa, si sono visti affiancare nel loro importante progetto dalla Camera dei Deputati e da Italia Nostra che, insieme, rivolgono nuovamente l’appello al ministro dell’Istruzione affinché proceda alla reintroduzione delle ore di insegnamento eliminate.

Celeste Costantino, deputata di Sinistra Ecologia Libertà, in Commissione Cultura, scienze e istruzione dichiara che: “Cancellare la formazione artistica è l’ennesimo paradosso di una politica che negli ultimi venti anni ha danneggiato beni culturali, paesaggi e patrimoni unici al mondo. Ridurre le ore di storia dell’arte per le studentesse e gli studenti vuol dire abbassare il loro senso critico, cancellare l’interdisciplinarietà con le altre materie letterarie, dimenticare la grandezza del nostro patrimonio storico. Al contrario credo che l’Italia debba educare alle arti, alle culture, alla bellezza. La nostra ricchezza culturale e artistica è un bene comune: solo noi possiamo tutelarlo, preservarlo e valorizzarlo. Ma solo se offriremo, ai cittadini di oggi e domani, saperi, intelligenze, conoscenze diffuse dei territori e dei beni culturali italiani”.

Marco Parini, presidente di Italia Nostra, nel sostenere la causa conferma come “l’interesse per il nostro immenso patrimonio storico-artistico non può prescindere dalla sua conoscenza. La sua tutela e la sua valorizzazione non possono veder impegnati solo lo Stato e le Regioni ma ogni cittadino che potrà, così, contribuire alla conservazione della memoria identitaria della nostra civiltà. Per conoscere bisogna, però, apprendere con metodo, nella scuola; ed è perciò che si rende indispensabile il ripristino pieno dell’insegnamento della storia dell’arte nelle scuole. Ogni paese racconta alle sue nuove generazioni dei “fondamentali” della cultura nazionale, e noi?”.

Edvard Munch in mostra a Genova

MunchUn'eccezionale rassegna dedicata ad Edvard Munch, genio rivoluzionario della pittura a cavallo tra il ...

Venezia: restaurato Palazzo Mocenigo

Palazzo MocenigoRiapre al pubblico il celebre Palazzo Mocenigo di Venezia. Il Centro Studi di Storia del ...