iscrizionenewslettergif
Bergamo

Cl festeggia i 40 anni a Bergamo

Di Redazione28 ottobre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Cl festeggia i 40 anni a Bergamo
Don Luigi Giussani

BERGAMO — Un inizio che riaccade ora. E’ con questo spirito che la comunità di Bergamo di Comunione e Liberazione festeggia i suoi 40 anni e con gratitudine riguarda il suo inizio e il cammino fatto alla luce dell’esperienza di oggi.

“Viviamo questo momento speciale come doppio motivo di gratitudine: per il dono dell’incontro con il carisma di Don Giussani, che per ciascuno di noi è avvenuto con diverse modalità nella storia di questi anni, e per la sua presenza ora – afferma Michele Campiotti, responsabile diocesano della Fraternità di Comunione e Liberazione -. Che gratitudine il riaccadere di questo incontro ed il suo continuo approfondimento di giorno in giorno! Festeggiare i quarant’anni significa per noi offrire tutta la nostra inadeguatezza a quanto abbiamo ricevuto, ma anche essere sempre più certi della verità della strada intrapresa. Andando avanti nel cammino infatti si scopre come la fede risponda sempre più chiaramente alle esigenze della vita, ed il movimento ci ha sempre sollecitato a fare nostra questa verifica quotidiana dentro un cammino di personalizzazione delle fede”.

Ricordare i 40 anni di presenza a Bergamo non è solo occasione per riandare all’origine della propria storia e ripercorre le tappe del cammino fatto, ma anche e soprattutto riaccogliere, come il primo giorno, la tenerezza con cui Dio si fa amico e compagno istante dopo istante. Dalla gratitudine che ne scaturisce nascono i due momenti proposti come occasione di festeggiamento.

Il primo è l’assemblea pubblica dal titolo “Come nasce una presenza? Un inizio che riaccade ora”, a cui prende parte don Julián Carrón, presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione. L’incontro, che prende spunto dalla giornata di inizio anno di Comunione e Liberazione, vuole approfondire da cosa nasce la fede e quali sono i frutti che questa genera nel vivere di ciascuno e nella società. Sì svolgerà giovedì 31 ottobre al Centro Congressi Giovanni XXIII di Bergamo (ore 21.15).

Il secondo è il pellegrinaggio di domenica 10 novembre aperto a tutti, con partenza alle 11.15 dall’Oratorio di Carvico e arrivo alla Chiesa Parrocchiale di Sotto il Monte Giovanni XXIII, dove alle 12.30 viene celebrata la Santa Messa. Una scelta, quella di compire il pellegrinaggio a Sotto il Monte, mossa dalla gratitudine per la prossima canonizzazione di Papa Giovanni XXIII.

Ai due momenti si aggiunge la pubblicazione del libro fotografico “40 anni. Un inizio che riaccade ora”. E’ un opuscolo di una trentina di pagine che ripercorre, attraverso immagini e brevi testi, i fatti più significativi e esemplificativi della vita del movimento di Comunione e Liberazione a Bergamo, letti alla luce di quanto don Giussani scrisse alla Comunità bergamasca per la ricorrenza del suo trentennale nel 2003: “Una intensità affettiva particolare mi fa essere presente con gli amici di Bergamo al festeggiamento del 30° anno dall’epoca in cui la vostra comunità è nata. Vorrei chiedere alla Madonna che l’amore a Cristo fiorisca sempre come conseguenza nella vivacità della nostra compagnia – il che dà sicurezza per i giovani dell’avvenire. Nel grande Mistero di ciò che mi unisce a voi, la fedeltà al Signore sia sospinta dall’amicizia tra noi”.

Nuova illuminazione a led per il Battistero

L'illuminazione a led del Battistero di Bergamo AltaBERGAMO -- Una nuova illuminazione per esaltare la bellezza di una delle opere d'arte più ...

Dipinto del Duce nella collezione di un bergamasco

Il dipinto ritrovatoDipinto del Duce nella collezione di un bergamascolla Pinacoteca Civica di Latina dai carabinieri del ...