iscrizionenewslettergif
Salute

Contraccezione: le italiane non sono preparate

Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Contraccezione: le italiane non sono preparate
Coppia

Poca, troppo poca informazione sulla contraccezione in Italia. Lo rivela un’indagine della Sigo, Società italiana di ginecologia e ostetricia. Tra i dati allarmenti, è emerso che il 42 per cento delle ragazze under 25 italiane non utilizza nessun metodo contraccettivo durante la prima esperienza sessuale, e che solo tre su 10 ricevono informazioni corrette da parte di ginecologi, medici e insegnanti riguardo i metodi contraccettivi.

Dati confermati anche dal “Barometer of women’s access to modern contraceptive choice in 10 EU Countries”, presentata al congresso nazionale dei ginecologi a Napoli. Ebbene, il 51 per cento ritiene che la doppia protezione, pillola e preservativo, sia inutile, il 71 per cento si crede al riparo dalle malattie sessualmente trasmissibili perché si fida del partner, il 28 per cento adotta meno precauzioni dopo la “prima volta”, il 59 per cento fa ricorso il coito interrotto.

Allarme per quel 54 per cento che si affida alla contraccezione di emergenza, metodo che nel 2011 ha registrato un +4 per cento con 357.800 unità vendute, per la metà a under 20. Quanto a informazione sulla contraccezione, l’Italia si colloca al terz’ultimo posto, dopo Germania (con il 73%), i Paesi Bassi (69%) e la Francia (67%), nella classifica dell’accesso alla contraccezione moderna e alla salute riproduttiva.

Emicrania: abuso di farmaci per uno su 2

EmicraniaUn emicranico su due fa abuso di farmaci antidolorifici. Stando alle stime, su 7 europei, ...

Alzheimer: chi dorme poco rischia di più

AlzheimerChi dorme poco, specie in età avanzata, ha maggiori probabilità di contrarre il morbo di ...