iscrizionenewslettergif
Bergamo

Yara, il dna scagiona il pedofilo di Padova

Di Redazione17 ottobre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Il confronto con il codice genetico dell'uomo rinchiuso in Francia è risultato negativo

BERGAMO — Non c’è nessun legame fra il pedofilo originario di Padova rinchiuso nelle galere francesi e l’omicidio di Yara Gambirasio. Lo ha stabilito l’esame del dna effettuato dagli investigatori che indagano sul caso della ragazzina di Brembate Sopra.

L’analisi del codice genetico, chiesta dalla procura di Bergamo per verificare possibili somiglianze fra i due casi, ha dato esito negativo.

Tutto era nato dal racconto che la madre di una ragazzina bergamasca di 12 anni aveva fatto agli inquirenti, secondo il quale il pedofilo padovano aveva tentato di adescare la figlia delle donna attraverso Facebook, fingendosi un suo coetaneo. Nel 2011, qualcuno rubò il profilo di Facebook della ragazza, pubblicando foto di Yara e lasciando intendere una presunta amicizia tra le due giovani.

Le indagini degli investigatori hanno permesso di rintracciare l’uomo che si trova detenuto nel carcere di Bourges, per reati legati alla pedofilia. Nei giorni scorsi gli inquirenti si sono recati in Francia per prelevare campioni di codice genetico all’uomo e confrontarli con quello contenuto nelle tracce biologiche trovare sui leggins e sugli slip della ragazzina di Brembate Sopra. L’esito è stato negativo: i due dna non coincidono.

Venerdì sciopero: possibili disagi in ospedale

Possibili disagi ai servizi secondari venerdì in ospedaleBERGAMO -- Possibili disagi venerdì 18 ottobre nei servizi secondari dell'ospedale di Bergamo a causa ...

Scambio file illegali: oscurato il nuovo sito Pirate Bay

Oscurato il nuovo sito di Pirate BayBERGAMO -- Ennesimo provvedimento di blocco per il sito "The Pirate Bay", tra i più ...